La digitalizzazione nell’industria e nel solare nel modello ABB

Tecnologie per la distribuzione elettrica, l’automazione e la eMobility, le microgrid e il solare fotovoltaico. Una piattaforma, ABB Ability, che punta a gestire al meglio i flussi di energia soprattutto nel comparto industriale. Le novità nel campo degli inverter FV per i grandi impianti e il residenziale. Prodotti e soluzioni presentati nell'Industrial Media Event 2017.

ADV
image_pdfimage_print

La complessità del modello di generazione distribuita richiede una gestione dei flussi di energia sicura e affidabile, dalle sottostazioni di media tensione ai punti di consumo.

Per questo servono tecnologie che si rivolgono ad un ampia gamma di settori, dal solare ai sistemi integrati per i siti industriali, così come per le mini reti e le località lontane dalle reti.

A tal proposito ABB continua a sviluppare prodotti e soluzioni per il fotovoltaico, che, insieme ad altre puntano tutte a connettere le installazioni energetiche al cloud, fornendo ai clienti informazioni in tempo reale e dati storici per migliorare le prestazioni complessive.

Tutte queste soluzioni sono parte del programma ABB Ability che ha l’obiettivo di utilizzare i dati industriali utilizzando sensori, dispositivi e software per valutare tali informazioni in tempo reale, monitorando, controllando e gestendo i dispositivi, i processi e le attività, sia in sito che da remoto.

Soluzioni che per ABB sono oggi un’opportunità da sfruttare anche nell’ambito del programma Industria 4.0, al quale la società sta dedicando particolare attenzione.

Nell’ambito del recente incontro con la stampa europea di settore (17 e 18 maggio) pressi i laboratori di Dalmine, in provincia di Bergamo, l’Industrial Media Event 2017, organizzato dalla divisione Electrification Products, è stato appunto presentato lo stato dell’arte delle tecnologie, con particolare riguardo proprio al programma ABB Ability™.

Molte soluzioni tecnologiche sono state illustrate nello Smart Lab di ABB, una struttura dove è possibile vedere esempi reali di soluzioni compresa la gestione di microgrid dedicata alle aree remote e ai mercati emergenti.

L’applicazione concreta delle tecnologie ABB è stata dimostrata anche nel corso della visita allo stabilimento di Rubinetterie Bresciane Bonomi, in provincia di Brescia.

Nella fabbrica, che esporta per il 55% i suoi prodotti, sono presenti diversi impianti. Tra questi uno fotovoltaico da 1 MW, sette pompe di calore geotermiche da 14 kW ciascuna per il riscaldamento e raffrescamento dei reparti produttivi (attraverso pannelli radianti), un sistema molto sofisticato di filtraggio e recupero dell’olio utilizzato per il raffreddamento dei macchinari, eccetera. Il funzionamento di questi impianti è garantito dai quadri di distribuzione di media e bassa tensione ABB Artù e Unimix.

L’azienda inoltre utilizza la digitalizzazione del processo industriale grazie al sistema MES (Manufacturing Execution System) e a soluzioni IoT, come l’impianto domotico realizzato interamente con dispositivi ABB i-bus KNX.

In sintesi possiamo dire che il sistema ABB Ability è una piattaforma internet industriale integrata e una infrastruttura su cloud, basata sull’esperienza ABB nelle diverse tecnologie, nei settori industriali e nel digitale, che consente di valorizzare il potenziale dei dati industriali.

La piattaforma consente così alle utenze di integrare e aggregare in sicurezza i propri dati con quelli provenienti dall’intero sistema industriale ed effettuare analisi dei big data e analisi predittive degli asset, nonché generare scenari per migliorare la performance e la produttività degli impianti.

ABB Ability comprende ovviamente un’ampia gamma di prodotti e soluzioni che supportano la distribuzione elettrica, l’automazione e la eMobility, tra cui ABB Ability™ Electrical Distribution Control System; la ricarica di veicoli elettrici per autobus e auto, quadri di distribuzione e controllo intelligenti e soluzioni per data center.

Come detto, alcune soluzioni per il solare fotovoltaico sono parte integrante del programma ABB Ability.

Tra le novità presentate nell’incontro con la stampa, per gli impianti fotovoltaici commerciali e industriali su larga scala (anche montati a terra) segnaliamo l’inverter di stringa ABB da 100 e 120 kW, dotato di soluzioni multi-MPPT (Multi Maximum Power Point Tracker). L’inverter sarà disponibile alla fine del 2017, successivamente con un’estensione dei campi di potenza e tensione fino a 1500 Vcc. È caratterizzato da elevate capacità di “energy harvesting” e raffreddamento.

Anche qui entra in campo la digitalizzazione. Infatti la necessità di interventi in loco è ridotta al minimo, con conseguente riduzione dei costi di esercizio, grazie alla connessione all’Internet of things (IoT) tramite il protocollo di comunicazione IP, a un’architettura cloud scalabile e ad una messa in servizio wireless da tablet o dispositivi mobili.

Altro inverter di stringa di ABB è il TRIO TM che andrà ad aggiungersi alla famiglia di prodotti TRIO. Questa versione da 3 MPPT supporta potenze nominali fino a 60 kW ed è stato progettato allo scopo di ottimizzare il ROI (Return On Investment) nei grandi impianti.

La messa in esercizio è facile e veloce ed è garantita da un’interfaccia utente Web integrata attraverso un qualunque dispositivo WLAN, mentre un protocollo Modbus conforme a Sunspec consente una facile integrazione con i sistemi di controllo e monitoraggio di terzi.

Per il fotovoltaico nel settore residenziale nel portafoglio ABB troviamo anche l’inverter monofase ABB, la serie UNO-DM-PLUS: il design è compatto e le potenze nominali da 1,2 a 5,0 kW consentono l’integrazione con dispositivi presenti e futuri per l’automazione degli edifici intelligenti.

La presenza di connettori plug and play e la facilità della messa in servizio consentono un’installazione semplice, rapida ed economica dell’inverter senza doverne aprire il coperchio, mentre l’interfaccia utente integrata consente un agevole accesso alle impostazioni di configurazione avanzate, al controllo dinamico della corrente in ingresso e alla funzione di gestione dei carichi.

Nell’ambito delle microgrid è stata presentate la microrete integrata MGS100, sviluppata per operare in ambienti estremi come le aree rurali dei Pvs.

Combinando energia solare e capacità di immagazzinamento della batteria, la soluzione MGS100 evita la dipendenza dai costosi e dannosi generatori diesel, riducendo il costo totale di esercizio e l’impatto ambientale e aumentando nel contempo fino a 6 kWh la capacità di immagazzinamento di energia.

Tra i prodotti dell’azienda il REACT, resta il punto fermo dell’inverter fotovoltaico dotato di una batteria integrata con una capacità reale di 2 kWh (modulare): consente di programmare fino a 4 dispositivi elettrici, a seconda dell’energia disponibile. Compatibile con ABB-free@home®, ha una porta wi-fi integrata e un’applicazione per smartphone o tablet che aiuta l’utente a controllare e gestire il consumo di energia anche quando è fuori casa.

Per le utility, ABB ha sviluppato l’inverter centralizzato PVS980 da 1500 Vcc, disponibile ora anche con un campo di potenza esteso fino a 2300 kVA, l’inverter centralizzato PVS980 è ottimizzato per impianti fotovoltaici multi-megawatt.

Dotato di un’innovativa soluzione di raffreddamento a bassa manutenzione adatta per applicazioni intensive e ambienti estremi, l’inverter riduce i costi di manutenzione e garantisce una durata e un’affidabilità eccezionali.

Ha un design modulare e compatto, adatto per l’uso all’esterno; viene fornito con una serie completa di opzioni di comunicazione dati di standard industriale, tra cui il monitoraggio in remoto. L’inverter è integrato da una stazione PVS980-MWS plug and play compatta di potenza nominale fino a 4600 kVA. Nella foto a destra l’impianto FV al momento più grande della Turchia (Kayseri, 51 MW) che utilizza inverter centralizzati PVS800 di ABB.

Ricordiamo che ABB è un’azienda che opera da 125 anni nel campo dell’innovazione tecnologica applicata ai prodotti per l’elettrificazione, alla robotica e al controllo del movimento, all’automazione industriale e alle reti elettriche. E’ attiva in oltre 100 paesi con circa 132.000 dipendenti.

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti