Rinnovabili elettriche, in aumento la potenza installata nel primo trimestre 2017

Nei primi tre mesi del 2017 la nuova potenza di fotovoltaico, eolico e idroelettrico cresce del 27% rispetto al primo trimestre 2016, con 146 MW installati. In leggera diminuzione quella da fotovoltaico (84,1 MW). Con i 39,4 MW eolici in Basilicata cresce l'energia dal vento. In ripresa l’idroelettrico con un +18%. Un quadro elaborato da Anie Rinnovabili su dati Gaudì.

ADV
image_pdfimage_print

Nei primi tre mesi del 2017 la nuova potenza di fotovoltaico, eolico e idroelettrico cresce del 27% rispetto al primo trimestre 2016, con 146 MW installati. Più o meno in linea (solo 2 MW in più) in confronto al primo trimestre 2015.

Questi alcuni dati tratti dall’Osservatorio sulle fonti rinnovabili elaborato da Anie Rinnovabili su dati Gaudì.

Sempre su base trimestrale, il dato delle realizzazioni del periodo gennaio-marzo 2017 è nettamente inferiore agli altri tre precedenti trimestri, anche questo se è un dato consueto per questo periodo dell’anno.

Da questa analisi delle variazioni congiunturali, si può infatti notare un decremento (-17%) per la nuova potenza da rinnovabili installata nel primo trimestre 2017 rispetto agli ultimi tre mesi del 2016.

Fotovoltaico

Un dato in leggero calo è quello del fotovoltaico: 84,1 MW contro i 90 del primo trimestre 2016, per un decremento del 7%, anche se la crescita è stata piuttosto consistente se paragonata ai primi tre mesi del 2015 (circa +33%).

Il calo è presente anche per quanto riguarda il numero delle installazioni FV connesse (-7%). Il 58% di tutte le installazioni del periodo gennaio-marzo (10.428) è della taglia di potenza inferiore ai 20 kW. In particolare, l’86% è all’interno delle taglie da 1 a 6 kWp (8.949 impianti).

Le regioni che hanno installato di più in termini di potenza rispetto al primo trimestre 2016 sono soprattutto Veneto, Lazio, Lombardia, Piemonte, Toscana. Buoni i numeri in Emilia Romagna e Sicilia.

Eolico

In aumento la potenza connessa dei nuovi impianti eolici che, con i 6 MW connessi a marzo, raggiungono nel primo trimestre circa 48 MW, di cui però 39,4 MW nella sola Basilicata: +269% rispetto al primo trimestre 2016, anche se in calo rispetto al dato gennaio-marzo 2015.

In aumento le installazioni (249 impianti, +15%), con la quasi totalità della taglia di impianto 20-60 kW, che però vanno a costituire il 27% in termini di potenza.

Qui il dato regione per regione di questo primo trimestre confrontato con lo stesso periodo 2016.

Idroelettrico

In ripresa l’idroelettrico con +18% di nuova potenza installata (14,2 MW) rispetto ai valori a quanto fatto nel primo trimestre 2016.

Il numero di unità di produzione connesse in rete (45) nei primi tre mesi del 2017 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente è invece in calo (-22%).

I nuovi impianti idroelettrici di taglia inferiore a 1 MW connessi al momento costituiscono il 53% del totale in termini di potenza installata.

Le regioni che hanno registrato il maggior incremento di potenza nel primo trimestre 2017 rispetto all’anno precedente sono soprattutto Piemonte e Toscana (grazie ad un impianto di taglia superiore a 2 MW installato a marzo in provincia di Prato).

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti