I riflettori della Commissione Europea sono puntati su cinque aziende cinesi del fotovoltaico che potrebbero essere escluse dall’accordo sul minimum import price (MIP) e, dunque, costrette a dover pagare i dazi sui loro prodotti importati in Europa.

Peccato che …

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
QualEnergia PRO