Sempre più Asia e meno Europa, ecco come cresce l’occupazione nelle rinnovabili

I posti di lavoro nelle diverse filiere delle fonti pulite (escluso il grande idroelettrico) sono aumentati del 5% nel 2015. La Cina impiega il numero più consistente di "colletti verdi": 3,5 milioni su poco più di 8 a livello globale. Fotovoltaico, biocarburanti ed eolico i tre settori più importanti.

ADV
image_pdfimage_print

Sono sempre di più in tutto il mondo, anche se la loro crescita sta un po’ rallentando rispetto agli anni passati: stiamo parlando dei posti di lavoro nelle fonti rinnovabili, monitorati dall’Irena (International Renewable Energy Agency – vedi report in allegato in basso).

L’occupazione è aumentata nel 2015 rispetto ai dodici mesi precedenti, perché i green jobs su scala globale sono diventati poco più di otto milioni, cioè il 5% in più dei 7,7 milioni registrati nel 2014.

Per colletti verdi, però, Irena intende solo le persone occupate in modo diretto o indiretto nelle varie filiere dell’energia pulita, come l’eolico, il fotovoltaico e le biomasse, escludendo perciò tutti gli altri settori che possono rientrare nell’alveo dell’economia verde più in generale, ad esempio il riciclo di rifiuti/recupero di materiali, packaging sostenibile, eccetera. L’agenzia internazionale, inoltre, ha conteggiato a parte gli impiegati del grande idroelettrico: sono circa 1,3 milioni secondo una stima conservativa.

Cina, Brasile, Stati Uniti: ecco il podio

La mappa mondiale del lavoro verde (vedi grafico) somiglia molto alla recente fotografia di Ernst & Young sui paesi che sanno attirare i maggiori investimenti nelle tecnologie pulite.

C’è sempre più Asia e meno Europa: il 60% dell’occupazione nelle fonti rinnovabili si concentra nel continente asiatico, grazie soprattutto al ruolo dominante della Cina con più di tre milioni e mezzo di persone impiegate nelle diverse filiere energetiche.

Per vedere il secondo gradino del podio occorre spostarsi in Sudamerica: il Brasile con 918.000 green jobs, mentre gli Stati Uniti sono terzi a quota 769.000. Ottimi risultati anche per India e Giappone, rispettivamente 416.000 e 388.000. In Europa è la Germania a primeggiare con 355.000 occupati.

L’occupazione cala nelle fonti fossili

Il dato positivo per le rinnovabili, evidenzia Irena, è che riescono a incrementare i posti di lavoro, mentre nelle fonti fossili la tendenza è opposta. Negli Stati Uniti, ad esempio, l’occupazione nel comparto oil&gas è crollata del 18% a fronte del +6% riscontrato nelle energie verdi. Similmente, in Cina i green jobs sono molti di più rispetto a quelli assicurati dall’industria degli idrocarburi (3,5 milioni contro 2,6 milioni).

Irena è convinta che questi numeri siano destinati a crescere: l’obiettivo è raddoppiare la percentuale di energia pulita nel mix mondiale entro il 2030, facendo lievitare gli addetti a circa 24 milioni. Le politiche pro-rinnovabili di molti paesi emergenti in America Latina, Asia e Africa, l’apertura di nuovi mercati alla concorrenza in campo energetico (Messico e Argentina tra i casi più recenti), i costi in discesa delle tecnologie, sono tutti elementi che vanno nella direzione auspicata da Irena.

Fotovoltaico al top

Intanto è il solare fotovoltaico a dominare sempre la scena internazionale (vedi grafico sotto), con quasi 2,8 milioni di occupati (+11% sul 2014) e la Cina indiscutibilmente al vertice con 1,7 milioni di posti di lavoro nel settore, considerando sia il lato manifatturiero (produzione celle e moduli e altri dispositivi) sia quello delle installazioni e delle attività di gestione e manutenzione degli impianti.

In Giappone è proprio il fotovoltaico ad assorbire quasi tutti gli impiegati nelle rinnovabili, ben 377.000 su un totale di 388.000, segnando un +28% dovuto essenzialmente all’impulso delle tariffe feed-in molto favorevoli per i nuovi impianti.

Biocarburanti ed eolico

L’industria dei biocarburanti continua a figurare nella seconda posizione in termini assoluti con 1,7 milioni di occupati, anche se il 2015 ha visto una diminuzione del 6% in confronto all’anno precedente. I motivi sono molteplici, dalla maggiore meccanizzazione dei processi agricoli al calo generale della produzione di bioetanolo e biodiesel, senza dimenticare le recenti polemiche in sede europea sulla reale “sostenibilità” dei combustibili prodotti con materie prime vegetali in colture intensive. Con 821.000 impiegati, è il Brasile a guidare la classifica mondiale della forza lavoro nel comparto biofuel.

L’eolico è la terza tecnologia più importante nel mondo per adetti occupati: lo scorso anno, infatti, i lavoratori coinvolti sono saliti del 5% superando il milione di unità, di cui quasi la metà in Cina. Altri attori di rilievo sono la Germania, sulla scia dei grandi progetti offshore, e gli Stati Uniti, dove il forte sviluppo di nuovi parchi eolici nel 2014-2015 ha portato il totale degli occupati nel settore a 88.000 (+20%).

Il seguente documento è riservato agli abbonati a QualEnergia.it PRO:

Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati a QualEnergia.it PRO

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti