Scrivi

Strategia UE su consumi termici: “regole pensate in Paesi con esigenze diverse”

La visione europea potrebbe rendere difficile valorizzare competenze e produzione nazionali, denuncia la Federazione italiana per l'uso razionale dell'energia, in audizione alla Camera per parlare della strategia UE per il riscaldamento e raffreddamento. La relazione presentata e la sintesi.

ADV
image_pdfimage_print

“La strategia UE per il riscaldamento e raffreddamento risente di un’impostazione centro-nord europea, come spesso accade in ragione della scarsa partecipazione degli stakeholder istituzionali e privati nazionali, sia in termini di presenza, sia di sostanza. Senza dedicare risorse adeguate a questi temi il rischio è di subire regole pensate in Paesi che hanno esigenze diverse da chi affaccia sul Mediterraneo (la stessa soluzione può presentare prestazioni differenti in contesti differenti). Ciò rende difficile anche valorizzare competenze e produzione nazionali”.

Così Dario Di Santo, Direttore FIRE, davanti alle Commissioni VIII e X riunite della Camera dei Deputati nel presentare il documento preparato dalla Federazione sulla strategia UE per il riscaldamento e raffreddamento …

ADV
×