UE, necessari 253 miliardi per il decommissioning nucleare. Forse di più

CATEGORIE:

La stima è contenuta in un nuovo rapporto sull’industria nucleare europea realizzato dalla Commissione, ma secondo diverse associazioni ambientaliste gli Stati Membri saranno costretti a sborsare delle cifre ben maggiori per la gestione del fine vita delle centrali atomiche del continente.

ADV
image_pdfimage_print

Costa caro il nucleare in Europa. Lo dice anche la Commissione Europea in un nuovo rapporto sulla situazione dell’industria nucleare nel continente. Secondo Bruxelles, servirebbero ben 253 miliardi di euro per la gestione del fine vita delle centrali nucleari europee, ma questo valore potrebbe essere addirittura sottostimato.

Più nel dettaglio, la cifra necessaria per lo smantellamento delle vecchie centrali nucleari sarebbe di 123 miliardi di € e quella per la gestione dei rifiuti radioattivi, del combustibile esaurito e dello stoccaggio in siti geologici sotterranei di 130 miliardi. Tutti soldi che in un modo o in un altro dovranno provenire anche dalle casse pubbliche, visto che le convenzioni europee impongono che siano gli Stati membri i responsabili ultimi della gestione del fine vita delle centrali.

Ma qui nasce un problema non da poco: secondo il rapporto, le quattordici nazioni europee che hanno sul proprio suolo delle centrali nucleari in funzione, finora hanno messo da parte poco più della metà di questa enorme somma (il 52% circa) e solamente il Regno Unito ha deciso di coprire interamente quanto necessario.

Non sarà forse proprio per questo motivo, si chiedono alcuni, che numerosi operatori hanno deciso di estendere di un periodo compreso tra i 10 e i 20 anni il tempo medio di vita delle loro centrali?

Il tempo medio di vita degli impianti nucleari europei è di 30 anni, ma accrescere la loro durata significa produrre più energia di quella preventivata inizialmente e, di conseguenza, rendere più profittevole l’investimento, ovviamente senza considerare il rischio potenziale di incidente e i relativi costi per la collettività di impianti nucleari in funzione ormai da diversi decenni. 

Età media delle centrali nucleari in funzione nell’Unione Europea.

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti