Una nuova interessante soluzione per l’accumulo di elettricità è stata sviluppata da Jay Whitacre, professore di scienza e ingegneria dei materiali alla Carnegie Mellon University, e colleghi. La batteria in questione fa della semplicità di funzionamento e dell’economicità i suoi punti di forza.

Secondo gli sviluppatori, Acqueos Hybrid Ion, questo il nome dato al dispositivo, “verrà a costare quanto una batteria a piombo-acido con la capacità di durare il doppio e di inquinare molto meno”. Non si utilizza infatti piombo (elemento notoriamente tossico), ma ci si serve come elettrolito di ioni di sodio dell’acqua salata, ottenendo così un sistema “pulito”. La carica si muove, attraverso il liquido, dagli elettroliti positivi, basati sull’ossido di manganese, a quelli negativi, basati sul carbonio. Funziona in maniera simile alla batteria agli ioni di litio, che comporta però l’utilizzo di elettrodi costosi e infiammabili (vedi immagine sotto).

L’invenzione è stata premiata con il Lemelson-MIT Program, ricevendo un premio di 500mila dollari.  Il progetto – riporta il web magazine di Terna – un anno fa ha attirato 55 milioni di dollari, ottenendo anche il sostegno di Bill Gates.