Conto energia e limite incentivi FV. assoRinnovabili: “GSE non si sostituisca al legislatore”

  • 5 Maggio 2015

L'associazione dei produttori, dell’industria e dei servizi per le energie rinnovabili chiede che il GSE rimuova il nuovo limite sulla soglia massima di energia fotovolatica incentivabile. La nota stampa di assoRinnovabili.

ADV
image_pdfimage_print

assoRinnovabili, associazione dei produttori, dell’industria e dei servizi per le energie rinnovabili, segnala in una nota stampa il suo ‘stupore’ nell’apprendere la definizione da parte del GSE, nel Documento appena emesso dal titolo Regole per il mantenimento degli incentivi in conto energia (pdf), di criteri stringenti e diversi da quanto pattuito originariamente in merito al valore limite degli incentivi assegnabili a ciascun impianto fotovoltaico su cui siano stati effettuati interventi di efficientamento, sulla base della necessità di non superare il limite di 6,7 miliardi di euro annui imposto dal DM 5 luglio 2012 per gli incentivi alla produzione fotovoltaica, (si veda anche QualEnergia.it, Conto energia fotovoltaico: ecco le regole per il mantenimento degli incentivi).

Il GSE – argomenta l’associazione – dimentica che il cap citato nel DM aveva un carattere puramente indicativo e finalizzato in realtà a individuare una data di termine dei conti energia. Di conseguenza il GSE oltrepassa il perimetro delle sue funzioni, contrapponendosi a quanto previsto dalle politiche incentivanti europee e nazionali che mirano alla massimizzazione dell’energia prodotta da impianti a fonti rinnovabili.

“Il GSE con questo documento impedisce di fatto agli operatori di migliorare l’efficienza dei propri impianti – spiega Agostino Re Rebaudengo, Presidente di assoRinnovabili. assoRinnovabili, quindi, chiede che il GSE rimuova questo nuovo limite sulla soglia massima di energia incentivabile, che così com’è, paradossalmente, porterebbe ad una minore efficienza degli impianti realizzati, come già stigmatizzato in un recente comunicato stampa anche dal Sen. Gianni Girotto”.

(Da comunicato assoRinnovabili)

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti