Scrivi

A Gaza l’ospedale alimentato a energia solare

  • 12 Febbraio 2015

Il Jenin Charitable Hospital, a Gaza, è una struttura alimentata al 100% dall’energia solare.L’impianto fotovoltaico, costruito sul tetto della struttura e operativo da fine novembre 2014, è stato progettato e realizzato dall’Ong Sunshine4Palestine.

ADV
image_pdfimage_print

Il Jenin Charitable Hospital, a Gaza, è una struttura alimentata al 100% dall’energia solare. A dicembre il numero di accessi all’ospedale grazie anche a questa fornitura di elettricità solare è aumentato del 63% rispetto all’anno precedente. L’impianto fotovoltaico, costruito sul tetto della struttura, è operativo da fine novembre 2014, ed è stato progettato e realizzato dall’Ong Sunshine4Palestine (S4P).

L’impianto FV, insieme ad un sistema di stoccaggio con batterie, consente al nosocomio di essere autonomo per l’approvvigionamento energetico per 17 ore al giorno, dalle 7 alle 24, con la produzione annuale di 76 MWh grazie a 168 moduli FV. Serve un bacino di 200mila persone, quelle del quartiere di Shijajia, uno dei più poveri e martoriati dagli attacchi di luglio e agosto 2014.

L’autonomia energetica permette al Jenin Charitable Hospital di affrontare la carenza e l’interruzione di energia elettrica che affliggono il territorio della Striscia di Gaza, rendendo operativo l’ospedale anche sotto i recenti bombardamenti. La carenza di energia “è una vera piaga della Striscia di Gaza – spiega Barbara Capone, ricercatrice italiana all’Università di Vienna presidente di S4P – e per questo motivo abbiamo deciso di intervenire. L’ospedale ha completa autonomia e tutte le sue cliniche sono operative e indipendenti da ogni approvvigionamento energetico”.

Al progetto si è iniziato a lavorare nel 2011 insieme all’ingegnere palestinese Haitham Ghanem, che è membro dell’associazione S4P. A quella data era stato ideato l’impianto suddiviso in tre ‘moduli’, installabili autonomamente l’uno dall’altro. Nel gennaio 2014, grazie a numerose donazioni, alla raccolta fondi attraverso eventi culturali e ad un finanziamento della Fondazione Vik Utopia Onlus, è stata installata la prima sezione dell’impianto FV che ha permesso il funzionamento di uno dei piani dell’ospedale per 17 ore al giorno, rispetto alle 4 ore precedenti.

Nel novembre del 2014 è stata completata l’installazione grazie ad un concerto realizzato in collaborazione con Stefano Bollani al Teatro Argentina di Roma. Con i proventi si è provveduto alla fornitura di un pacco batterie. L’installazione verrà presentata ad un seminario delle Nazioni Unite sull’assistenza al popolo palestinese, che si terrà il 23 e il 24 Febbraio a Il Cairo, in Egitto.

Potrebbero interessarti
ADV
×