REbuild rinnova l’incontro annuale tra gli operatori del settore della riqualificazione energetica in edilizia. L’appuntamento è fissato per il 25 e 26 settembre prossimi, presso il Palazzo Congressi di Riva del Garda.

La convention, arrivata alla sua terza edizione e organizzata come ogni anno da Habitech, Progetto Manifattura e Riva del Garda Fiere Congressi, è stata presentata oggi, 10 settembte, a Milano presso la sede di Scenari Immobiliari.

“Ci aspettiamo che anche quest’anno – ha affermato Gianluca Salvatori, ideatore e gestore di Progetto Manifattura e co-ideatore di REbuild – la convention possa essere un luogo di confronto con un dialogo attivo tra tutti i protagonisti del settore, dai progettisti al finance, dai produttori di tecnologie ai property manager. Il programma 2014 concentra la sua attenzione sulla creazione di una piattaforma comune per l’intera filiera con sezioni tecniche e fortemente specializzate, pensate per gli operatori più evoluti, che sono interessati a conoscere i punti di vista dei propri interlocutori al fine di innovare la propria offerta di business. La previsione di mercato per il segmento di ristrutturazione per il 2014 – ha proseguito Salvatori – supera i 33 miliardi di euro e in questo contesto la sostenibilità ambientale non è una visione meramente ecologista bensì è l’unica risposta che il mercato accetta. REbuild vuole accompagnare questa transizione di paradigma che dalla visione del singolo elemento si sposta a una visione di sistema”.

“Con le prime due edizioni di REbuild – ha dichiarato Thomas Miorin, direttore di Habitech e co-ideatore di REbuild – riteniamo di aver dato un segnale forte evidenziando le condizioni che permetteranno alla riqualificazione di rappresentare un’opportunità di rilancio del settore edilizio. Quest’anno ci spingeremo oltre andando a introdurre per la prima volta in Italia i concetti e le esperienze internazionali più rilevanti della riqualificazione radicale e soprattutto analizzeremo la replicabilitá nel nostro Paese dei principali casi di innovazione nella gestione e valorizzazione dei portafogli immobiliari. Il titolo dell’edizione 2014, ‘Reinventare l’edilizia’, sottolinea la prospettiva scelta, ben al di lá del green, di ripensare la filiera dell’edilizia attorno a nuovi parametri di qualità e nuovi modelli di business ancora non diffusi in Italia. E lo faremo con contenuti esclusivi ed una formula ancora più coinvolgente, che consentirà di mettere tutti i presenti all’opera. Insieme”.

La centralità del modello integrato che vede protagonisti tutti gli attori della filiera, costruttori, finanziatori, operatori del Real Estate e professionisti,  è confermata dai due main sponsor della manifestazione, REbuilding network e Autostrada del Brennero.

“Con la partecipazione a REbuild per il terzo anno consecutivo – ha dichiarato Saul Fava, Energy Efficiency Business Development Manager di Schneider Electric e Vice Presidente di REbuilding network – la ‘Rete’ rinnova il suo impegno a favore di una svolta nel mercato italiano delle costruzioni, proponendo il tema della riqualificazione ai grandi gestori di patrimoni immobiliari non più come onere ma come un’opportunità d’investimento, a vantaggio loro, del costruito del Paese e dell’ambiente. Grazie al sostegno delle imprese partecipanti stiamo consolidando una rete in grado di fare la differenza sul terreno della riqualificazione sostenibile dell’esistente e sui processi di gestione smart degli edifici pubblici e privati. Ognuna delle sei aziende mette a fattor comune competenze, esperienze e tecnologie, favorendo l’integrazione di soluzioni innovative, consulenza e finanziamenti, e la proposizione di un interlocutore unico nei confronti della committenza e di tutta la filiera”.

L’ing. Alessandro Magnago, intervenuto in rappresentanza di A22 – Autostrada del Brennero, ha ribadito come la riqualificazione sia l’unica soluzione: “La via della demolizione e ricostruzione delle infrastrutture di un’autostrada generalmente non è percorribile. L’approccio innovativo di Autostrada del Brennero nella manutenzione delle proprie opere viarie consente di rigenerare le infrastrutture in modo sostenibile”.

Tra i patrocinatori dell’evento è intervenuto Luciano Manfredi, Presidente del Comitato sviluppo sostenibile di Assoimmobiliare. “La sostenibilità ambientale – ha sottolineato Manfredi – è sinonimo di sostenibilità economica per l’investitore. Anche la gestione quotidiana degli immobili necessita di un approccio rinnovato, ad esempio introducendo nuovi modelli contrattuali tra proprietario e fornitore e tra proprietario e conduttore, che creino obiettivi comuni di efficienza energetica in una logica win-win. Eventi come REbuild favoriscono l’evoluzione del Real Estate, grazie alla condivisione di best practice, e la creazione di un’industria immobiliare competitiva e sostenibile”.

Il Programma 2014