Riqualificazione energetica edifici pubblici: accordo Friuli e Consorzio per Area di Ricerca scientifica

Regione Friuli Venezia Giulia e Consorzio per l'Area di Ricerca scientifica e tecnologica di Trieste hanno sottoscritto la Convenzione quadro per la collaborazione su alcuni progetti d'innovazione per la riqualificazione energetica di edifici di proprietà dell'Amministrazione regionale. Il programma è da 18 milioni di euro, di cui 4,85 milioni di cofinanziamento del Ministero Ambiente.

ADV
image_pdfimage_print

Regione Friuli Venezia Giulia e Consorzio per l’Area di Ricerca scientifica e tecnologica di Trieste hanno sottoscritto la Convenzione quadro per l’avvio della collaborazione su alcuni progetti d’innovazione per la riqualificazione energetica di edifici di proprietà dell’Amministrazione regionale.

La Convenzione attua il Protocollo d’intesa siglato tra la Regione e il ministero dell’Ambiente in materia di ‘Sviluppo sostenibile e promozione delle tecnologie a basse emissioni di carbonio’, recentemente oggetto di una riunione tra la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, e il direttore generale del ministero, Corrado Clini.

Scopo della Regione, spiega una nota, è quello di utilizzare le migliori tecnologie disponibili per ottimizzare il rendimento energetico delle sedi regionali. Obiettivo di Area Science Park è portare a concreta applicazione le tecnologie innovative sviluppate, favorendone l’affermazione e consentendo quindi alle imprese che hanno investito in tale progettualità, in partnership proprio con Area, nuove occasioni di sviluppo economico e occupazionale.

L’accordo della Regione con Area, per un programma complessivamente vale circa 18 milioni di euro, di cui 4,85 milioni di euro di cofinanziamento ministeriale. L’accordo prevede una prima fase in cui Area Science Park di Trieste affiancherà la Regione nell’individuazione dei migliori parametri per l’effettuazione della diagnosi energetica degli edifici e una seconda fase in cui gli esiti della diagnosi verranno valutati per orientare le scelte progettuali verso le diverse soluzioni tecniche possibili.

Il testo sottoscritto prevede successivamente la possibilità, in relazione a specifici casi di studio, di sviluppare analisi comparative tra differenti soluzioni tecnologiche e supportare le lavorazioni delle diverse fasi progettuali. Clini ha anche dichiarato che questo programma potrebbe in seguito diventare un progetto pilota per lo stesso ministero dell’Ambiente.

Sempre nell’ambito dei progetti della Regione, è in cantiere il programma triennale di solarizzazione con sistemi solari termici del Parco agro-alimentare di San Daniele del Friuli (valore complessivo 3,15 mln euro), proposto dalla Provincia di Udine con la richiesta di estendere il campo degli interventi finanziabili.

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti