Previsioni fotovoltaico: nel 2013 oltre 35 GW

Nuove previsioni per il fotovoltaico mondiale nel 2013: crescerà ancora, del 13% e si installeranno almeno 35 GW di nuova potenza. A sostenere l'incremento Asia e Americhe che compenseranno il rallentamento dell'Europa che dal 70% del mercato di 2 anni fa passerà al 37%. Rivista al ribasso la previsione sulla Cina. L'ultimo report IHS.

ADV
image_pdfimage_print

Nel 2013 il fotovoltaico mondiale crescerà ancora, del 13%. Si installeranno circa 35 GW di nuova potenza, soprattutto grazie alla spinta di Asia e Americhe che compenseranno il rallentamento europeo. E’ questa la previsione aggiornata di IHS, già IMS Research, che dà anche i dati rivisti per il 2012: nell’anno concluso si sono installati 31,4 GW, un aumento del 14% rispetto al 2011.

Insomma, una previsione abbastanza ottimistica: il FV continua la sua crescita a due cifre e per la prima volta sorpassa la soglia dei 35 GW. “A inizio anno di solito vediamo previsioni piuttosto pessimistiche, dovute al calo stagionale delle installazioni e alle voci di tagli degli incentivi in Europa, quando i paesi ricalibrano le loro politiche dopo annate record – spiega Ash Sharma, direttore della ricerca sul solare a IHS – invece la nostra indagine, condotta su oltre 60 paesi nel mondo, ci mostra che la domanda fuori dall’Europa compenserà ampiamente il declino del vecchio continente e le installazioni continueranno, fino ad arrivare, appunto, a sorpassare il traguardo dei 35 GW”.

Quello che succederà nell’anno da poco iniziato, d’altra parte, è già in atto dalla fine dell’anno scorso (QualEnergia.it, Il mercato cinese e gli equilibri del fotovoltaico mondiale). Nell’ultimo trimestre del 2012, con 4 GW, l’Asia ha contato per circa la metà delle installazioni mondiali. Nel 2013 sarà quello il continente centrale per il fotovoltaico: IHS prevede che vi si realizzino impianti per 15 GW, mentre il mercato europeo scenderà a 13 GW.

Che l’Asia sia il nuovo centro del mondo per il FV lo confermano anche le previsioni di altre società di consulenza concordi nel dire che la Cina sarà il primo mercato mondiale e che il Giappone prenderà il secondo posto, superando Germania, Italia e Usa.
Di recente Bloomberg New Energy Finance ha rivisto al rialzo le sue previsioni sul mercato nipponico e ora, anziché di un volume di 3,2-4 GW, parla per il 2013 di 6,1-9,4 GW che saranno installati nel paese del sol levante nel 2013. Se si verificasse lo scenario più ottimista di BNEF per il Giappone, nel continente asiatico si installerebbe addirittura di più dei 15 GW previsti da IHS, anche se va detto che questa società di consulenza ha rivisto nettamente al ribasso le previsioni per il mercato cinese nel 2013, portandole da 10 a 6 GW installati. A frenare il FV in Cina, si spiega, saranno le difficoltà nel connettere i grandi parchi e i ritardi nell’erogazione degli incentivi.

Ad ogni modo come sta cambiando e cambierà il mondo del fotovoltaico lo mostrano meglio delle parole i grafici pubblicati nel report (clicca per ingrandire):

Nel 2011 l’Europa rappresentava il 70% del mercato, nel 2012 il 57% e per il 2013 si prevede che la sua quota si riduca di altri 20 punti percentuali, arrivando al 37%. I mercati europei storici, come il nostro e la Germania sono in contrazione. Oltre al taglio degli incentivi in Italia e Germania, anche la minaccia di dazi protezionistici contro celle e moduli FV cinesi potrebbe pesare in negativo, portando ad un aumento dei prezzi. Per questo, nonostante si preveda la crescita in alcuni paesi particolari come Regno Unito, Turchia e Paesi Bassi, secondo IHS nel 2013 l’installato europeo passerà dai 18 GW del 2012 a 13 GW. L’Italia passerà da una quota mercato del 30% circa del 2011, al 13% del 2012, fino al 5% del 2013.

Il ‘declino’ europeo, come detto, sarà però più che compensato dalla crescita nel resto del mondo: si prevede un +250% per Medio Oriente e Africa, un +50% per le Americhe e un +65% per l’Asia.

Per quel che riguarda i dati 2012, IHS ha confermato che ci sono state installazioni fotovoltaiche per oltre 31,4 GW, anche se non tutti questi impianti sono già stati connessi alla rete. Ad esempio in Cina nel 2012 circa 2,5 GW di impianti sono stati realizzati ,ma ancora attendono l’allacciamento: nel mondo dunque solo 27 GW sono stati allacciati nell’anno appena concluso.

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti