Connie Hedegaard, commissaria europea responsabile dell’Azione per il clima, ha avviato una campagna di comunicazione paneuropea in collaborazione con più di 70 organizzazioni provenienti da tutta Europa. All’insegna del motto ‘Il mondo che ti piace. Con il clima che ti piace’, la campagna – http://world-you-like.europa.eu – intende focalizzare su soluzioni pratiche il dibattito sui cambiamenti climatici e dimostrare che l’azione per il clima può aumentare il benessere dei cittadini europei e portar loro vantaggi economici.

Come spiega Hedegaard, “la scelta sta a noi: possiamo ‘agire’ sulla base delle conoscenze che già sono a nostra disposizione in materia di cambiamenti climatici. Oppure possiamo restare a guardare senza muovere un dito, mentre le cose peggiorano. Entrambe le opzioni hanno comunque un costo”.

Incentrata su un sito internet disponibile nelle 23 lingue della UE, la campagna è concepita come una piattaforma per la partecipazione attraverso la quale i singoli cittadini, le imprese e i gruppi locali potranno caricare sulla piattaforma, promuovere e discutere le loro soluzioni a basse emissioni di carbonio, partecipando così a un concorso paneuropeo per trovare le soluzioni migliori e più originali. La campagna proseguirà fino alla fine del 2013 e mira a valorizzare soluzioni già esistenti, ed efficienti sotto il profilo dei costi, per il conseguimento dell’obiettivo della UE di una riduzione delle emissioni di gas a effetto serra dell’80-95% entro il 2050.

In Europa è possibile trovare moltissimi esempi di soluzioni intelligenti e innovative ai problemi climatici che riducono l’inquinamento da CO2 e contemporaneamente migliorano la qualità di vita dei cittadini. A Stoccolma, per esempio, la stazione centrale converte il calore corporeo dei pendolari e lo utilizza per riscaldare uffici situati nelle vicinanze, non solo riducendo le emissioni, ma generando anche risparmi del 20-25% sulla bolletta energetica dell’immobile. In Danimarca, la scuola Gedved, a Horsens, riesce a risparmiare 30mila euro all’anno sulla bolletta energetica grazie all’energia solare. Le risorse così risparmiate sono investite nell’istruzione.

I partenariati tra organizzazioni che perseguono gli stessi obiettivi sono un elemento centrale della campagna lanciata da Hedegaard. Oltre 70 organizzazioni hanno già confermato la loro partecipazione, comprese associazioni imprenditoriali, università, organizzazioni non governative e istituzioni pubbliche: l’obiettivo è di attrarre ancora altri partner via via che la campagna prende piede.