Lavoro e fotovoltaico, tra DL Sviluppo e quinto conto energia

  • 18 Giugno 2012

ANIE/GIFI plaude il provvedimento a favore dell’occupazione nella green economy contenuto nel DL crescita, ma lancia l’allarme per il registro degli impianti fotovoltaici nel quinto conto energia che rende inefficaci le misure virtuose introdotte.

ADV
image_pdfimage_print

Con la pubblicazione del Decreto Legge ‘Sviluppo’  sono state approvate una serie di importanti misure a favore dell’occupazione giovanile nel settore fotovoltaico e delle aziende operanti nella green economy (vedi Qualenergia.it, Decreto crescita, finanziamenti agevolati alle imprese green che assumono giovani, ndr).

“Siamo soddisfatti che il Governo abbia recepito le nostre proposte a sostegno dell’industria nazionale, prevedendo l’applicazione di un credito di imposta alle imprese che assumono a tempo indeterminato giovani di età inferiore ai 35 anni da impiegare fra l’altro nel solare fotovoltaico; – dichiara Valerio Natalizia Presidente GIFI-ANIE – ma allo stesso tempo siamo seriamente preoccupati della persistenza del registro per gli impianti fotovoltaici che, così come proposto, andrebbe a vanificare gli elementi positivi introdotti dal DL Sviluppo e aumentare il tasso di disoccupazione nel settore fotovoltaico.”

Come noto, la soglia di accesso al registro di 12 kWp è contestata non solo dagli operatori dal settore ma anche dalla Commissione Europea, da molti rappresentanti del Parlamento italiano e da prestigiosi istituti indipendenti.

“Un registro a 12 kWp – continua Natalizia – non è nell’interesse delle aziende di qualsiasi settore: un impianto fotovoltaico può concretamente ridurre i costi energetici aumentando quindi la competitività.” Tale meccanismo – sottolinea ANIE/GIFI – non contribuisce al controllo della spesa, produce ulteriore burocrazia, contribuisce a far lievitare i costi per le aziende del settore, riduce la competitività del comparto industriale rallentandone lo sviluppo.

“Il rallentamento dello sviluppo del settore fotovoltaico  – conclude Natalizia – causerebbe notevoli danni a tutti a partire dalle casse dello Stato. Si impedirebbero importanti flussi di IVA e tasse pagate dalle aziende del settore le quali, continuando a crescere, non sarebbero costrette ad assorbire altre risorse pubbliche, a cominciare dalla cassa integrazione. Il registro è una scelta sbagliata.”

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti