Rinnovabili elettriche, nuove regole per la sicurezza

  • 13 Marzo 2012

L’Autorità per l'Energia approva nuove regole per gli impianti che entrano in esercizio dopo il 31 marzo. Un anno per adeguarsi. Previsti incentivi per chi accelera gli interventi: fino a 5mila euro per gli adeguamenti degli impianti esistenti entro il prossimo 30 giugno.

ADV
image_pdfimage_print

A fronte del rapido e forte incremento della produzione da generazione distribuita e da rinnovabile e fotovoltaico, l’Autorità per l’Energia è intervenuta con alcune modifiche nella regolamentazione che contribuiranno a garantire la continuità della gestione in sicurezza e a costi contenuti del sistema elettrico nazionale. In particolare, per tutte le tipologie di impianti caratterizzati da produzione intermittente e non programmabile, l’Autorità ha previsto nuovi obblighi, attraverso l’adozione di specifici dispositivi e regole tecniche di funzionamento (delibera 84/2012/R/eel che approva nuovi allegati al codice di rete di Terna, vedi allegato o segui questo link).

La nuova regolazione riguarda tutti gli impianti connessi alle reti in media e bassa tensione che entreranno in funzione dopo il 31 marzo di quest’anno che dovranno adeguarsi – anche se con scadenze diverse – a prescindere dalla potenza installata. Per accelerare gli interventi, tenendo conto dei picchi produttivi attesi nella stagione estiva, l’Autorità ha anche previsto incentivi ad hoc per alcune tipologie di impianti di medie e grandi dimensioni già esistenti.

L’intervento si inserisce nell’ambito delle iniziative di regolazione – fra le quali la delibera ARG/elt 160/11 e il documento di consultazione DCO 35/2012/R/efr per la formazione di provvedimenti sul servizio di dispacciamento da rendere operativi entro l’estate del 2012 – a fronte della crescente produzione da fonti intermittenti e non programmabili.

In particolare, per gli impianti di medie e grandi dimensioni (ovvero di potenza superiore ai 50 kW connessi in media tensione) già esistenti o che entreranno in funzione fino al 31 marzo 2012, l’adeguamento ai nuovi obblighi dovrà avvenire entro il 31 marzo 2013; non è invece previsto alcun obbligo per gli impianti già esistenti di piccole dimensioni (potenza inferiore ai 50 kW).

A salvaguardia degli investimenti già fatti per gli impianti esistenti o che entreranno in funzione fino al 31 marzo 2012, i produttori che completeranno gli interventi pro-sicurezza prima di ottobre 2012 riceveranno un incentivo, attraverso il Fondo Utenti MT (Media Tensione). Per gli adeguamenti entro giugno 2012, il premio avrà un valore minimo compreso tra 2.000 e 5.000 euro, mentre per gli adeguamenti tra luglio e ottobre 2012 il premio sarà via via decrescente su base mensile.

Il valore definitivo degli incentivi per l’adeguamento verrà definito in un successivo provvedimento, anche in seguito alla analisi di ogni informazione e dato utile che i soggetti interessati possono trasmettere all’Autorità entro il 30 marzo 2012.

(da comunicato Aeeg)

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti