Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha pubblicato una prima stima aggiornata al 31 dicembre 2011 della produzione e della potenza degli impianti a fonti rinnovabili nel settore elettrico in Italia.

Dalla tabella riassuntiva (vedi immagine e allegato con note) emerge che il totale della potenza efficiente lorda è cresciuto dai 30.284 MW del 2010 a oltre 41.300 MW (+36,5%) per merito soprattutto del solare fotovoltaico, che è passato da 3.470 a 12.750 MW (nel 2011, compresi 3.740 MW installati nel 2010 ma entrati in esercizio nel 2011, Legge 129/2010 – Salva Alcoa). Stabili l’idroelettrico e la geotermia, in aumento eolico e bioenergie (biomasse solide, biogas e bioliquidi).

La produzione lorda a sua volta è salita nel complesso a 84.190 GWh dai 76.964 MW del 2010, con una crescita del 9,4%; ovviamente anche qui il solare FV ha giocato un ruolo decisivo salendo in un anno da 1.906 a 10.730 GWh (+463%), raggiungendo e superando l’eolico. Perde terreno l’idroelettrico mentre è in aumento la produzione da bioenergie. Dal 2008 la produzione da rinnovabili elettriche è aumentata in Italia di quasi il 45%.

Le energie rinnovabili nel 2011 hanno soddisfatto il 24% del consumo interno lordo elettrico, due punti percentuali in più rispetto al 2010.

I dati definitivi sulle statistiche dell’intero settore elettrico nazionale, avverte il GSE, saranno diffusi da Terna e dallo stesso GSE il prossimo giugno.