Nel grafico sotto si vede come le rinnovabili negli ultimi 15 anni hanno acquistato un peso sempre maggior nella nuova potenza elettrica installata annualmente. Dal 13% del 1995 al record del 2011, anno in cui è stata installata più potenza a livello complessivo e in cui per ogni 10 nuovi MW di potenza almeno 7 sono venuti dalle rinnovabili.



Nel 2000 il nuovo installato delle rinnovabili si fermava a 3,5 GW, nel 2011 è arrivato a 32 GW. Negli ultimi 11 anni si sono installati in totale 302,6 GW di potenza elettrica. Sono cresciute di più gas (116 GW), eolico (84,2 GW) e fotovoltaico (47,4 MW). In declino olio combustibile (potenza ridotta di 14,2 GW), nucleare (giù di 10,3 GW) e carbone (giù di 10,3 GW).


Come si vede, nel 2011 la fonte con più nuovo installato è stata il fotovoltaico che con 21.000 MW pari al 47% delle nuove installazioni ha superato il gas (9.718 MW pari al 21,6% del nuovo installato). Terza fonte 2011 per nuovo installato è l’eolico (9.616 mW e 21%).


Le altre fonti seguono con molto distacco. Il carbone ha visto 2,14 GW di nuova capacità installata (4,8% del totale). L’olio combustibile nuovi impianti per 700 MW (1,6%), il grande idroelettrico per 607 MW (1,3%) e il solare a concentrazione per 472 MW (1,1%), mentre biomasse (234 MW), rifiuti (69 MW), geotermico (32 MW) e onde e maree (4,5 MW) sono tutte al di sotto dell’1%, come pure il nucleare che a fronte di 331 nuovi MW installati ha visto fermare centrali per oltre 6,2 GW.


(Dati EWEA febbraio 2011, quelli riferiti al 2011 sono in parte ancora provvisori)