Il futuro delle città dovrà essere smart e al servizio del cittadino

  • 15 Novembre 2011

CATEGORIE:

La città del futuro avrà reti intelligenti e sistemi flessibili studiati sui bisogni del cittadino. Rinnovabili, mobilità sostenibile e diretto coinvolgimento dei consumatori nel mercato energetico sono i driver principali di questa nuova era. Sono questi gli scenari emersi nel convegno "Dalle smart grids alle smart cities" organizzato da Kyoto Club a Rimini.

ADV
image_pdfimage_print

L’esplosione delle rinnovabili in Italia, in Europa e in altri paesi impone un ripensamento delle reti elettriche. È quanto ha sottolineato, in apertura del convegno “Dalle Smart Grids alle Smart Cities”, svoltosi l’11 novembre a Ecomondo – Key Energy 2011, Gianni Silvestrini, direttore scientifico di Kyoto Club e QualEnergia, focalizzando l’attenzione sui paesi che si stanno avventurando in questo settore.
“Oltre alle reti, anche le città dovranno diventare ‘intelligenti’ – ha detto Silvestrini -, l’Europa lancia dei bandi per le smart cities che consentano lo sviluppo di una nuova realtà urbana, dove gli edifici cominciano a diventare produttori di energia. Stati come Germania, Italia e California stanno giocando questa nuova scommessa e stanno lavorando molto in questa direzione”.  


leggi tutto su Kyoto Club e scarica le presentazioni dei relatori

ADV
×