Dopo l’annuncio di Siemens, che considera il nucleare “un capitolo chiuso”, (Qualenergia.it, Siemens chiude con il nucleare), un altro gigante dell’energia rende nota la propria decisione di voltare le spalle all’atomo.

Scottish and Southern Energy (SSE), leggiamo sulle pagine del Financial Times, non vuole più partecipare alla costruzione delle centrali britanniche ed è in procinto di lasciare il consorzio NuGen.

Meglio “guidare un consorzio nelle rinnovabili che essere membro monoritario di uno attivo in un campo (il nucleare, ndr) in cui non abbiamo esperienza”, si legge nelle dichiarazioni del CEO Ian Marchan riportate dal FT.