Un fondo europeo per l’efficienza energetica nelle città

CATEGORIE:

Il fondo EEE-F consentirà finanziamenti in progetti per il risparmio e l’efficienza energetica, per le fonti rinnovabili e per i trasporti sostenibili, con particolare riguardo al settore urbano. Possono richiedere i finanziamenti gli enti locali e pubblici, le imprese private che gestiscono servizi pubblici per conto di enti pubblici.

ADV
image_pdfimage_print

Da un mese la Commissione Europea ha lanciato il nuovo fondo per finanziare progetti di efficienza energetica, l’European Energy Efficiency Fund (EEE-F) come parte dell’European Energy Programme for Recovery (EEPR).


Per partire l’Unione Europea ha stanziato circa 146 milioni di euro presi dal programma EEPR (3,7% del suo budget) allo scopo di finanziare progetti di efficienza energetica e fonti rinnovabili. Questi erano fondi che, sebbene impegnati nel 2009, non furono erogati per progetti nel settore delle infrastrutture, dell’eolico offshore e della cattura e stoccaggio della CO2 (CCS).


Quindi ora il fondo EEE-F consentirà investimenti in progetti per il risparmio e l’efficienza energetica (almeno per il 70% dei fondi), nei progetti per fonti rinnovabili (20% dei fondi) e per i trasporti sostenibili (10% dei fondi totali), con particolare riguardo al settore urbano e che abbiano come obiettivo la riduzione di consumi di energia o delle emissioni di CO2 di almeno il 20%.


Il fondo offrirà un’ampia gamma di prodotti finanziari come prestiti e strumenti di private equity in progetti che vedano la partecipazione di autorità pubbliche, nazionali, regionali o locali. Inizialmente il fondo ha una disponibilità finanziaria di 256 milioni di euro: 125 milioni di € come contributo della Commissione (dal budget di 146 mil di €, 21 saranno dedicata all’assistenza tecnica), 75 milioni di € da parte della Banca degli Investimenti Europei (BEI), 60 milioni di € dalla Cassa depositi e prestiti e 5 milioni di € dalla Deutsche Bank, che gestirà il fondo. Altre istituzioni finanziarie degli Stati Membri sono stati invitati a partecipare e in seguito potrebbe anche aggiungere ulteriori risorse. Anche i privati potrebbero svolgere un ruolo di pressione sul settore pubblico al fine di farli contribuire al fondo.


Possono richiedere i finanziamenti gli enti locali e pubblici, le imprese private che gestiscono servizi pubblici per conto di enti pubblici, come le ESCo o società di trasporto pubblico. Il fondo finanzia progetti a partire da 5 milioni di euro. La durata massima del finanziamento è di 15 anni, ma potrebbe arrivare anche a 20 anni. Già adesso si possono presentare progetti rivolgendosi alla Deutsche Bank.


Per informazioni: http://ec.europa.eu/energy/eepr/eeef/eeef_en.htm (a breve sarà disponibile la documentazione in italiano)


Deutsche Bank AG
Press & Media Relations
Dr. Klaus Winker
tel.: + 49 69 910 32249
E-Mail: [email protected]

European Investment Bank 
Nick Antonovics 
tel.: + 32 22350084
E-Mail: [email protected]

Cassa Depositi e Prestiti  
Lorella Campi     
tel.: + 39 06 42212531    
E-Mail: [email protected]

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti