Eolico, impugnata la legge del Molise

Dubbi di costituzionalità per la legge regionale del Molise sull'eolico. Lo Stato, accogliendo le richieste delle associazioni delle rinnovabili, ha fatto ricorso alla Corte Costituzionale.

ADV
image_pdfimage_print

Dubbi di costituzionalità per la legge regionale del Molise sull’eolico. Lo Stato, accogliendo le richieste delle associazioni delle rinnovabili, ha fatto ricorso alla Corte Costituzionale. La legge regionale nel mirino è la 23/2010 recante la Nuova disciplina degli insediamenti degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nel territorio che introduce la definizione di siti non idonei all’istallazione di turbine per quelle aree e beni di notevole interesse culturale nonché per gli immobili o le zone dichiarate di notevole interesse pubblico, dichiarando off-limits la valle del Tammaro.

Un’esclusione secondo Anev, l’associazione di categoria dell’eolico, “aprioristica” e “fuori dalle specifiche previsioni delle linee guida nazionali”. Dello stesso parere pare essere il Consiglio dei Ministri, secondo cui la legge sarebbe in contrasto con l’ articolo 117 della costituzione. In particolare il Governo “ritiene lesa la propria competenza legislativa sulla tutela della concorrenza e nell’ostacolo rispetto al raggiungimento degli impegni internazionali e comunitari assunti dallo stato in tema di fonti rinnovabili” (si veda impugnativa in allegato).

Secondo il Governo inoltre, ai sensi della normativa statale, e in particolare delle linee guida nazionali (art. 12 D.Lgs n. 387/2003 e DM con le linee guida nazionali), “le aree non idonee possono essere individuate solo a determinate condizioni, tassativamente elencate, e quindi con riguardo non a categorie generalizzate di aree ma solo a specifici siti e con riguardo a determinate tipologie e/o dimensioni di impianti, previo espletamento di una istruttoria approfondita”. Pertanto “un divieto aprioristico, generalizzato e indiscriminato di localizzazione di impianti” risulta violare i principi fondamentali in materia di “produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell’energia”, in contrasto con l’articolo all’art. 117 della Costituzione, oltre a invadere la competenza legislativa esclusiva statale sulla “tutela della concorrenza”

ADV
×