Il 2010 sarà un altro anno record per il fotovoltaico mondiale: 13,6 gigawatt di nuove installazioni, quasi il doppio rispetto ai 7-7,3 GW del 2009. Con ogni probabilità si superereanno per la fine dell’anno i 30 GW di potenza cumulativa. Nel 2011 la crescita non si fermerà: si attendono installazioni per altri 20,3 GW. Sono previsioni al rialzo quelle diffuse qualche giorno fa dalla società di consulenza californiana iSuppli. Solo a febbraio la stessa società prevedeva per il 2010 una crescita del 65% con 8,3 nuovi gigawatt: ora la stima è salita ad un +94% rispetto al 2009 con, appunto, 13,6 GW.

A spingere il boom di quest’anno, che sarà concentrato soprattutto nel secondo e quarto trimestre 2010, spiegano gli analisti di iSuppli, saranno da una parte la corsa sul mercato tedesco (che rimarrà il più importante) per approfittare degli incentivi entro luglio, quando verranno ridotti, dall’altra un aumento della domanda in mercati come quelli statunitense e italiano, anche per il netto calo del prezzo dei moduli. E sarà sempre grazie alla riduzione dei costi di moduli che la crescita continuerà anche nel 2011 nonostante la riduzione degli incentivi in diversi paesi, tra il quali il nostro (vedi grafico in basso).

Uno scenario, quello presentato da iSuppli, che supera anche le previsioni di associazioni di settore come l’Epia (European Photovoltaic Industry Association). Epia fino a qualche settimana fa prevedeva per il 2010 nuove installazioni per tra 8,2 e 12,7 GW, cioè un 40 o 60% in più rispetto al 2009 (Qualenergia.it, Turbolento, ma sempre a ritmo di gigawatt). Accettando le nuove stime di i Suppli di +94% e nuovi 13,6 GW è chiaro che dai 20 GW di potenza cumulativa a fine 2009 si riuscirà a fine anno a superare i 30, traguardo che Epia si limitava prudentemente a definire “non impossibile”.

Ormai ad ogni nuova previsione il potenziale di sviluppo del fotovoltaico continua a mostrare di essere più rapido di quel che si pensava. Le stime vengono riviste al rialzo a pochi mesi di distanza e quelle che un paio d’anni fa venivano bollate come esagerato ottimismo sono già state sorpassate dalla realtà.

E il caso delle previsioni che Epia e Greenpeace facevano a settembre 2008 con il report “Solar Generation V“, che proponeva numeri assai più alti di quelli delle edizioni precedenti. Se nel  2001 Epia e Greenpeace prevedevano 1,7 GW per il 2008, 2,1 GW per il 2009, e 2,8 GW per il 2010, nell’edizione 2008 di Solar Generation, tacciata di eccessivo ottimismo, le stime diventavano di 4,1 GW per il 2008, 5,1 GW per il 2009 e quasi 7 GW per il 2010 (Qualenergia.it, Previsioni solari).

Come è andata a finire ce lo dicono i dati sull’installato e le ultime previsioni di iSuppli: nel 2008 le nuove installazioni sono state pari a 5,5 GW, nel 2009 sono state di oltre 7 GW e per il 2010, come detto, si punta al raddoppio o quasi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A cura della redazione di Qualenergia.it

26 aprile 2010