L’ultimo numero della rivista bimestrale QualEnergia (n.5/2009), che titola “Europa Ok, Usa e Cina quasi. Le superpotenze verso politiche virtuose sul clima”, mette in primo piano le tematiche legate alla Cop15 di Copenhagen, in particolare con l’editoriale del direttore scientifico Gianni Silvestrini dal titolo “Cina, Stati Uniti. In movimento per il clima“: i due maggiori emettitori di gas serra del mondo si stanno muovendo. Non mancano le contraddizioni, ma il quadro inizia ad assumere un contorno positivo a pochi giorni dall’appuntamento di Copenhagen.

On line anche l’intervista di Silvestrini al segretario del Partito Democratico, Pierluigi Bersani. “Green economy, sì grazie“: Per Bersani è necessario estendere le iniziative su fonti rinnovabili ed efficienza energetica. No al nucleare.

Sul nucleare l’articolo di G.B. Zorzoli:  Quanti interrogativi sull’atomo” (pdf). Parte pieno di incognite e contraddizioni il rinascimento nucleare italiano. Dubbi e perplessità sono legittimi.

Di Carlo Carraro dell’Università di Venezia ed Emanuele Massetti della Fondazione Eni Enrico Mattei è l’articolo intitolato “2 gradi di separazione” (pdf). Per gli autori è improbabile l’obiettivo dei 2 gradi: deve essere ripensata la politica globale climatica globale.

Sulle certificazione energetiche degli edifici, sulla situazione attuale e i possibili sviluppi, l’articolo di Giuliano Dall’O’ del Politecnico di Milano dal titolo “Il disordine è certificato” (pdf). 

Il Sole ha bisogno di qualità” (pdf) è il titolo dell’articolo di Giovanni Simoni, amministratore delegato Kenergia srl e Presidente Associazione “Grid Parity Project”, che parla di tariffe, grid parity e qualità, temi che il fotovoltaico italiano si trova ad affrontare per imprimere una svolta al settore.

La rete c’è” (pdf). Rinnovabili, ammodernamento, nucleare e smart grid, sono le sfide che attendono Terna nei prossimi anni. Se ne parla in una intervista di Sergio Ferraris al direttore Operations Italia di Terna, Gianni Armani.

 

11 dicembre 2009