Un boom di impianti fotovoltaici in Germania: nuovi 1.471 MW sono stati ufficialmente installati da gennaio a settembre 2009. Lo ha fatto sapere il Bundesnetzagentur, l’autorità tedesca di regolamentazione responsabile delle comunicazioni nel settore elettrico.
Ormai da queste parti la conta non si fa più in megawatt ma in gigawatt e i tassi di crescita restano veramente impressionanti.

Dopo un lento avvio nel primo trimestre, ora la media mensile si aggira intorno ai 300 MW. Interessante è la notizia che proviene dal settore produttivo e commerciale: i maggiori distributori hanno già esaurito la loro scorta di moduli per l’anno in corso.
Secondo fonti tedesche si presume tuttavia che anche nell’ultimo trimestre la media resterà di immutata, così da aggiungere almeno una potenza di circa 900 MW. Questo significherebbe che nel corso dell’anno verranno installati in Germania impianti fotovoltaici per una potenza totale di circa 2.400 MW (2,4 GW), molto vicino al super-record della Spagna del 2008 (2,6 GW).

Si avrebbe quindi un incremento delle realizzazioni del 60% rispetto al 2008 (1,5 GW) e si arriverebbe ad totale installato di almeno 7,7 GW. In Italia forse quest’anno si toccherà il gigawatt, quindi una potenza di quasi 8 volte meno della Germania, anche se il nostrio paese resta nel settore al terzo posto in Europa. In Spagna, seconda nell’UE, quest’anno non si arriverà ad un installato cumulativo superiore a 4 GW.

Secondo il meccanismo incentivante tedesco, la tariffa fissa per il fotovoltaico nel 2010 sarà ridotta, a seconda della tipologia degli impianti e nel caso in cui venga superata la soglia di 1,5 GW (ormai cosa fatta) del 9-11%.
Molti operatori del settore temono che il nuovo governo Merkel possa addirittura ridurre la tariffa ben oltre questo livello. Una eventualità che porterebbe ad un’ulteriore corsa all’installazione e all’allacciamento degli impianti FV entro il 31 dicembre 2009.
Proprio alla luce di questa situazione, si prevede che nel primo trimestre 2010 il mercato tedesco sarà piuttosto basso, ma con buona probabilità per i prossimi anni ancora continuerà ad essere leader mondiale del fotovoltaico.

A cura della redazione di Qualenergia.it

10 novembre 2009