Sabato 19 settembre, presso la Sala Consiliare del comune di Carpinone (Isernia) è stato presentato il nuovo parco eolico in fase di installazione nell’omonima località.
La conferenza ha voluto essere soprattutto un’occasione per far conoscere la realtà sostenibile degli impianti eolici a vantaggio dell’ambiente e delle comunità locali in termini economici e sociali.
Il progetto per la realizzazione del parco eolico, i cui lavori saranno ultimati entro la fine del 2009, è stato finanziato, da due primari istituti bancari quali Unicredit e BNL, a favore dalla Murolo Holding del Gruppo Murolo, impegnata da oltre 40 anni nel settore immobiliare, delle opere pubbliche e della NECC srl impegnata insieme alla Murolo Holding nello sviluppo e nella costruzione di impianti per la generazione di energia. Negli ultimi anni entrambe le società si sono dedicate allo studio e alla ricerca nel settore della produzione di energia alternativa, in particolare di quella eolica e idroelettrica.

Il parco di “Carpinone” è il primo progetto eolico in Italia della Setteventi srl, società di scopo con sede a Cassino che opera nel settore energetico, occupandosi principalmente di studio, realizzazione, costruzione e gestione di impianti eolici. Il parco eolico sarà costituito da 8 aerogeneratori Vestas V90-3.0 MW, per una potenza complessiva di 24 MW e una produzione annua stimata di 54.000 MWh.
Il progetto eviterà inoltre l’immissione nell’ambiente di 18.000 tonnellate di anidride carbonica all’anno.

Per la realizzazione del parco la Setteventi Srl si è affidata a Vestas, leader mondiale del settore, specializzata nella progettazione, installazione, messa in esercizio e manutenzione di turbine eoliche.
Il Gruppo Vestas, presente in Italia con un’unità di vendita e due unità di produzione per pale e navicelle, ha giocato un ruolo di protagonista nello sviluppo dell’industria eolica italiana dal 1998. Già situata a Taranto, Vestas Italia ha inaugurato nel 2008 una nuova sede a Roma, garantendo così assistenza su tutto il territorio nazionale e maggiore vicinanza a tutti gli stakeholder.

19 settembre 2009