La Regione fa la sua parte per ‘M’illumino di meno’

  • 9 Luglio 2009

CATEGORIE:

Un "decalogo" a tutti i dipendenti per promuovere il risparmio energetico. Gelli: «Attenzione ai nostri consumi, un mondo migliore inizia da qui».

ADV
image_pdfimage_print
Firenze.  Un “decalogo” inviato a tutti i dipendenti perché con i loro comportamenti sul posto di lavoro aiutino a promuovere minori consumi di luce e gas, assicurando così un loro contributo a un mondo più pulito. È in questo modo che la Regione Toscana ha deciso di aderire alla campagna 2009 di “M’illumino di meno”, cioè alla giornata di mobilitazione – il prossimo 13 febbraio – che la trasmissione radiofonica Caterpillar lancia in tutta Italia a favore del risparmio energetico. L’iniziativa è del vicepresidente Federico Gelli, che nel governo regionale è responsabile anche per il personale e per le sedi.

«Per il 13 febbraio stiamo studiando anche alcune azioni simboliche come l’abbassamento del riscaldamento e dell’illuminazione in alcune fasce orarie, ma non si tratta di fare qualcosa solo un giorno all’anno – spiega Gelli – Abbiamo deciso di fare qualcosa che abbia un significato per tutto l’anno, con la consapevolezza che i comportamenti di ciascuno di noi possono avere una grande importanza. Per esempio ogni volta che non usiamo l’ascensore risparmiamo circa 0.05 Kwh e riteniamo possibile arrivare a ridurre fino al 75% il consumo energetico degli ascensori, solo utilizzando di più le scale».

Tra le varie raccomandazioni formulate nel “decalogo”, quello di spegnere il fan coil al termine dell’orario di lavoro e le luci anche durante assenze temporanee dal proprio ufficio (cosa che oggi avviene raramente), di impostare il termostato in modo che la temperatura in inverno non superi i 20 gradi e in estate non differisca da quella esterna di oltre 7 gradi, di spegnere e non lasciare in stand-by computer, stampanti, fotocopiatrici, di non lasciare a lungo le finestre aperte nel periodo di funzionamento degli impianti di climatizzazione.

Fortemente raccomandata è anche la riduzione del consumo della carta attraverso l’uso della stampa fronte retro. Vietato l’utilizzo di apparecchiature elettriche non fornite o autorizzate dall’amministrazione (come fornellini e macchinette per il caffè) che oltre a sovraccaricare gli impianti elettrici possono avere un elevato consumo di energia.

Paolo Ciampi

10 febbraio 2009

Potrebbero interessarti
ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti