Firenze. Arrivano gli incentivi regionali 2009 per il miglioramento della qualità dell’aria. La Regione Toscana ha deciso di destinare 4 milioni e mezzo di euro alla lotta alle emissioni nei 30 Comuni toscani firmatari dell’accordo 2007-2010 per la prevenzione dell’inquinamento atmosferico. I Comuni che beneficeranno dei fondi sono: Arezzo, Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Capannori, Carrara, Cascina, Empoli, Firenze, Grosseto, Lastra a Signa, Livorno, Lucca, Massa, Montale, Montecatini Terme, Montelupo Fiorentino, Pisa, Pistoia, Poggibonsi, Poggio a Caiano, Pontedera, Porcari, Prato, S. Croce sull’Arno, Scandicci, Sesto Fiorentino, Siena, Signa e Viareggio.

Ogni amministrazione comunale, attraverso i Piani di azione Comunale (Pac) potrà finanziare interventi coerenti con il Piano Regionale di Azione Ambientale 2007-2010 (Praa) e con il Piano Regionale di Risanamento e Mantenimento della qualità dell’aria (Prrm) per ridurre l’inquinamento atmosferico ed in particolare le concentrazioni di ossidi di azoto e le polveri sottili (PM10).

I Comuni attingeranno a questi fondi anche per gli incentivi all’acquisto di nuovi veicoli meno inquinanti. Il meccanismo scelto dalla Toscana per assegnare gli incentivi vede il coinvolgimento diretto delle amministrazioni comunali: la Regione mette le risorse a disposizione dei Comuni e stabilisce di quali veicoli potrà essere incentivato l’acquisto e con quante risorse, sono poi le amministrazioni comunali a scegliere se accettare tutte o solo in parte (a seconda delle esigenze e delle caratteristiche del territorio comunale) le proposte della Regione o solo in parte.

 «Da alcuni anni – spiega l’assessore regionale all’ambiente – abbiamo messo in piedi un sistema che aiuta i cittadini a sostituire auto vecchie e molto inquinanti con veicoli più ecologici, preferibilmente elettrici, ibridi, a metano o gpl. La Regione con il Praa ha previsto di investire quasi 22 milioni di euro in quattro anni per ridurre la percentuale di popolazione esposta a inquinamento atmosferico, stiamo lavorando su più fronti ma gli interventi relativi ai veicoli sono molto importanti dato che una circa io 30% delle emissioni in Toscana, con punte molto più elevate nelle aree urbane, deriva proprio dal traffico».

Per le persone indigenti che desiderano contribuire a ridurre le emissioni, è previsto anche un intervento ‘sociale’: chi desidera convertire a gas una vecchia auto Euro 0, ma ha un reddito sotto la soglia Isee fissata dal suo Comune, potrà infatti chiedere la conversione alla propria amministrazione e l’operazione verrà fatta praticamente a costo zero.

Tipologie di veicoli per cui la Regione autorizza l’incentivazione:
 
Per le due ruote:
– incentivi di 200 euro (con rottamazione) per nuovi ciclomotori Euro 2 e nuovi motocicli Euro 3 fino a 250cc;
– incentivi di 750 euro per chi acquista un ciclomotore elettrico e di 200 euro per chi acquista una bici elettrica.

Per il trasporto merci:
– incentivi di 1.500 euro per l’acquisto di nuovi taxi o di veicoli per trasporto merci leggero (inferiore o uguale a 3,5 tonnellate) a metano, gpl obifuel;
– incentivi di 3000 euro (con rottamazione) o 1500 (senza rottamazione) per veicoli merci leggeri elettrici o ibridi.
– 1000 euro di incentivazione per chi invece di acquistare un veicolo merci nuovo trasformerà quello che già possiede passando ad un’alimentazione a gas (metano o gpl).

 Per le autovetture:
– incentivo di 1500 euro (con rottamazione) o 500 euro (senza rottamazione) per una nuova auto a metano o metano bifuel;
– incentivo di 1000 euro (con rottamazione) o 500 euro (senza rottamazione) per una nuova auto a gpl o gpl bifuel;
– incentivo di 2000 euro (con rottamazione) o 1000 euro (senza rottamazione) per una nuova auto elettrica o ibrida con motore termico ed elettrico;
– 350 euro per la trasformazione da benzina a gpl e 500 per la trasformazione a metano di auto immatricolate da meno di 36 mesi o comunque omologate Euro 1, 2, 3, 4);
– In base alle condizioni economiche del richiedente le amministrazioni comunali potranno anche dare fino a 700 euro per la trasformazione a gpl di auto a benzina non catalitica, immatricolate fino al 1992, oppure di auto catalizzata omologate. Il contributo potrà salire fino a 800 euro per la trasformazione a metano.

Ripartizione dei fondi tra i Comuni:

Comune              Totale finanziamento                  Parte di ‘spesa corrente’ utilizzabile
                             regionale 2009                            per incentivi

Arezzo                 211.810                                      117.672
Bagno a Ripoli     107.124                                       59.513
Calenzano            92.732                                        51.518
Campi Bisenzio   121.768                                       67.649
Capannori            140.885                                       78.269
Carrara                132.018                                       73.343
Cascina               125.815                                       69.897
Empoli                  109.782                                      60.990
Firenze                 546.903                                      303.835
Grosseto              168.505                                       93.614
Lastra a Signa      96.927                                         53.848
Livorno                  286.019                                      158.900
Lucca                   197.986                                       109.992
Massa                  145.755                                        80.975
Montale                87.368                                          48.538
Montecatini          103.365                                        57.425
Montelupo Fi        58.163                                          32.313
Pisa                     200.148                                        111.194
Pistoia                 176.269                                         97.927
Poggibonsi          93.847                                           52.137
Poggio a Caiano 54.583                                            30.324
Pontedera           82.381                                            45.767
Porcari                83.448                                            46.360
Prato                   338.671                                         188.151
S.Croce sull’Arno 90.780                                          50.433
Scandicci            135.225                                         75.125
Sesto Fiorentino 128.397                                          71.332
Siena                  125.863                                          69.924
Signa                  94.534                                            52.519
Viareggio            162.929                                          90.516
TOTALE             4.500.000                                        2.500.000

Pamela Pucci

29 aprile 2009