Il premio della Regione alle buone pratiche ambientali

  • 8 Luglio 2009

CATEGORIE:

A Terra Futura la consegna del Premio Toscana ecoefficiente. Il riconoscimento a 10 iniziative di cittadini, imprenditori, enti.

ADV
image_pdfimage_print
Firenze Come si difende il nostro ambiente dall’inquinamento, dal peso dei rifiuti, dal rischio dei cambiamenti climatici? Cominciando a fare qualcosa di concreto nella propria casa, a scuola, negli ambienti di lavoro, negli spazi pubblici. E sono stati coloro che si sono impegnati in prima persona realizzando iniziative capaci di coniugare sviluppo, innovazione e rispetto dell’ambiente che hanno oggi visto riconosciuto il proprio impegno e la propria creatività con l’assegnazione da parte della Regione del Premio “Toscana ecoefficiente 2008”.
C’è chi (a San Giuliano Terme) ha inventato una macchina agricola per ridurre l’uso di diserbanti chimici, e chi (a Castiglion Fiorentino) ha elaborato una tecnica innovativa per recuperare i rifiuti del ciclo di lavorazione del rame; chi ha installato in paese un erogatore di latte fresco (a Capannori), chi un campeggio a Punta Ala e una scuola superiore (a Empoli) che ha progettato e promosso azioni innovative per la raccolta differenziata dei rifiuti. In tutto 130 sono state le esperienze di ecoefficienza raccolte quest’anno, e tra queste la giuria, presieduta dal professor Giampiero Maracchi (direttore Ibimet, Cnr) ha scelto dieci iniziative di eccellenza (cui è stato consegnato il premio) e 4 degne di una menzione speciale.

“Con questo premio – ha detto il presidente della Regione Claudio Martini intervenendo alla premiazione, che si è svolta nell’ambito di Terra futura, alla Fortezza da Basso – riconosciamo lo sforzo che viene proposto da tanti pezzi della nostra comunità, imprese ,associazioni, enti locali, cittadini nel portare avanti pratiche virtuose che producono benefici per il nostro ambiente. Siamo convinti dell’importanza di questi esempi concreti sia perché possono creare una positiva emulazione, sia perché ci richiamano alla responsabilità più generale che abbiamo verso il nostro ambiente”.

Condotta da Mario Tozzi (l’attuale presidente del Parco nazionale dell’Arcipelago, è il noto geologo e conduttore televisivo), la premiazione ha avuto per protagonisti sindaci e imprenditori, studenti e insegnanti, rappresentanti di associazioni e semplici cittadini che, in modo diverso, hanno utilizzato la propria creatività a sostegno dell’ambiente. I premi hanno riguardato azioni svolte in vari settori dell’economia e della vita sociale: dall’agricoltura, al commercio, dal turismo alle attività produttive, dalla pianificazione urbanistica, alle buone pratiche delle pubbliche amministrazioni e dei cittadini.

Per questo i premi sono stati consegnati dagli assessori regionali con delega in questi ambiti: Ambrogio Brenna (attività produttive), Agostino Fragai (riforme istituzionali e enti locali), Paolo Cocchi (cultura, turismo e commercio), Eugenio Baronti (ricerca, università e casa), e naturalmente dall’assessore all’ambiente, Anna Rita Bramerini, cui fa capo il premio. “Quella che emerge oggi – ha detto Bramerini – è una Toscana attiva, lungimirante, che dimostra un alto senso civico e una forte sensibilità ambientale. Una Toscana che è di stimolo alle istituzioni e che, con questo premio, le istituzioni vogliono a loro volta ringraziare e,ulteriormente, stimolare”.

Massimo Orlandi

24 maggio 2008

Potrebbero interessarti
ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti