Luci ed ombre sulle rinnovabili a livello mondiale, secondo i dati del rapporto annuale di Clean Edge, “Clean Energy Trends 2009” (rapporto in allegato). La società di consulenza e di ricerca californiana ha analizzato i dati del settore per il 2008 che registrano un aumento del 50% dei ricavi rispetto al 2007 e le prospettive per il 2009, anno in cui però si potrebbe avere uno stallo di tutto il comparto.
L’analisi per il 2008 è basata in particolare su tre settori: l’eolico, i biocarburanti e il fotovoltaico, che nel complesso hanno prodotto ricavi per circa 116 miliardi di dollari (erano quasi 76 mld di $ nel 2007).

Diversi i fattori di questa crescita. Tra tutti l’aumento dei costi di produzione degli impianti eolici anche per la forte domanda e per un’offerta non in grado di adeguarsi. Ciò ha consentito ad un solo settore delle rinnovabili, appunto l’eolico, di ottenere un giro d’affari annuale di 51,4 miliardi di dollari, un fatto senza precedenti nella storia delle rinnovabili.
Riguardo agli investimenti complessivi (pubblici e privati, inclusa la ricerca) nei settori delle fonti rinnovabili si riporta il dato di New Energy Finance: la crescita annuale è stata del 4,7%, che è passata da 148,8 mld $ del 2007 a 155,4 mld $ del 2008. Va considerato che la crescita degli investimenti nel settore tra il 2006 e il 2007 era stata di circa il 60%. Questa contrazione è dovuta per Clean Edge soprattutto ad un dimezzamento degli investimenti pubblici nel settore rinnovabili, passati dai 23,4 miliardi di $ del 2007 agli 11,4 del 2008. Al contempo gli investimenti privati sono rimasti pressoché stabili o aumentati solo di poco (grafici e tabelle relativi all’analisi di Clean Edge).

Oltre al caso eccezionale dell’eolico, per il 2008 vanno menzionati i risultati del settore dei biocarburanti e del fotovoltaico. Per il primo comparto il giro d’affari è stato quasi di 35 mld $, mentre per il FV, includendo tutta la componentistica e l’installazione, è stato di quasi 30 miliardi di dollari. Va detto, inoltre, che la potenza installata a livello mondiale è stata di oltre 4 GW, rispetto a 1 GW del 2004. Nel report si stima che il fotovoltaico supererà gli 80 mld $ di ricavi per l’anno 2018.

Secondo “Clean Energy Trends 2009”, il primo trimestre 2009 sarà difficile anche per tutte le rinnovabili specialmente per le difficoltà legate all’accesso al credito. L’effetto più probabile è che nel corso di quest’anno molti progetti verranno rinviati. In alcuni casi è prevista anche una forte riduzione occupazionale.
Quindi le performance per il 2009, secondo la società Clean Edge, saranno molto inferiori a quelle dello scorso anno, ma le spese pubbliche di molti governi orientate proprio verso questi settori contribuiranno probabilmente a sostenere le economie in crisi e a risollevare queste tecnologie più di altre.

LB

17 marzo 2009