Scrivi

Bene la differenziata di carta e cartone

  • 2 Luglio 2008

Molto positivi i dati ufficiali Comieco sulla raccolta differenziata di carta e imballaggi.  La percentuale di materiale avviato al riciclo è pari al 70% dell'immesso al consumo. Benefici per 1,9 mld di euro.

ADV
image_pdfimage_print

Secondo i dati ufficiali Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica), presentati oggi a Roma, a fronte di oltre 4,6 milioni di tonnellate di imballaggi immessi al consumo, la percentuale di materiale avviato al riciclo è pari al 70% dell’immesso al consumo mentre il dato complessivo di recupero si attesta al 78% (percentuale che comprende anche il recupero energetico). E’ stato così superato l’obiettivo del 60% di riciclo di materiale fissato dall’Unione Europea.

“Continua quindi la crescita in Italia della raccolta differenziata di carta e cartoni: nel 2007 le stime di Comieco indicano che la raccolta di carta e cartoni ha superato quota 2 milioni e 600.000 tonnellate con un aumento del 4% circa rispetto all’anno precedente. Nel solo 2007 la raccolta di carta e cartone ha permesso di evitare la realizzazione di 22 nuove discariche” ha dichiarato Carlo Montalbetti, Direttore Generale del Consorzio.

L’aumento complessivo è stato di oltre 92 mila tonnellate, di cui 41.600 (+7%) al Centro, 27.000 (+1,8%) al Nord, e 23.500 (+5,7%) al Sud. Da sottolineare la performance del Sud che nel suo complesso fa segnare un aumento percentuale pari quasi a quello del Nord (vedi immagine
Nel 2008 Comieco prevede che il trend della raccolta di carta e cartone aumenterà ancora del 8% circa sul 2007.

I benefici della raccolta differenziata sono interessanti. “In solo 8 anni il sistema Italia ha goduto di un beneficio complessivo pari a 1 miliardo e 600 milioni di euro grazie alla raccolta differenziata di carta e cartone” – sottolinea Piero Attoma Presidente di Comieco. “Questo è il dato più importante che emerge in uno studio effettuato in collaborazione con l’Università Bocconi, in cui si è stimato il saldo netto dei benefici dell’aver raccolto in modo differenziato, dal 1999 al 2007, oltre 17,1 milioni di tonnellate di carta e cartone”. Il dato comprende:

  • gli aspetti economici, ossia i costi (o mancati benefici) e i benefici (mancati costi) connessi alla realizzazione del sistema di raccolta-riciclo di carta e cartone;
  • gli effetti ambientali, mediante la monetizzazione dei costi (mancati benefici) e dei benefici (mancati costi) ambientali legati al sistema di raccolta-riciclo;
  • le ricadute socio-economiche, attraverso la stima monetaria del maggiore o minore indotto legato alla raccolta-riciclo della carta e cartone.

Dallo studio emerge che a livello procapite cresce la raccolta di carta e cartone. La resa totale annua della raccolta differenziata di carta e cartoni per abitante è stata nel 2007 di 44,6 kg. A livello regionale la resa pro capite più elevata è stata quella del Trentino-Alto Adige (74,4 Kg) seguita da Valle d’Aosta (68,6 kg) e Piemonte (57,9 kg). In coda alla classifica Sicilia (14,2 kg) e Molise (17,3 kg).
In termini assoluti, la Lombardia è la regione che continua a raccogliere di più: 525.000 tonnellate, una quota pari al 20% della raccolta totale nazionale, seguita nell’ordine da Toscana, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto. Bene è andata la raccolta del Lazio che cresce del +12% a quota 238mila tonnellate.
Le città che si sono segnalate per il più forte aumento in percentuale sono state Sassari (+89 %), Viterbo (+45%) e Napoli (+38%).
In termini di resa pro-capite il primo posto spetta a Trento con 94,4 kg l’anno, seguita da Firenze con 85,6 kg e Brescia con 77,7 kg. In coda Palermo (14,5 kg) e Catanzaro (16,1 kg).

Il nostro Paese è ai vertici in Europa per quanto riguarda la raccolta differenziata di carta e cartone: siamo infatti al terzo posto assoluto dietro Germania (5.600.000 tonnellate) e Francia (3.500.000 tonnellate), ma davanti a Gran Bretagna (2.700.000 tonnellate) e Spagna (2.200.000 tonnellate).

L’impegno di Comieco a sostegno dell’attività di raccolta differenziata nei Comuni convenzionati è cresciuto ancora nel 2007 del 5,6%. Il corrispettivo, riconosciuto ai sensi dell’accordo ANCI-CONAI, versato è stato di oltre 87.500.000 di euro.

Fonte: Comunicato Comieco

2 luglio 2008

Potrebbero interessarti
ADV
×