Climatizzazione solare domestica

  • 30 Agosto 2007

Accordo tra la svedese ClimateWell e la spagnola Uponor Iberia per realizzare sistemi solari termici per la climatizzazione delle nuove abitazioni spagnole

ADV
image_pdfimage_print
Lo scorso luglio la società svedese ClimateWell e la spagnola Uponor Iberia hanno firmato un accordo per costituire un’alleanza in grado di rispondere con nuove soluzioni alla domanda di climatizzazione delle abitazioni attraverso l’utilizzo del solare termico. L’obiettivo comune è di fornire sistemi solari per il riscaldamento e il condizionamento al 10% delle nuove abitazioni monofamiliari spagnole entro il 2010.

La ClimateWell è specializzata nel raffrescamento solare mentre la Uponor Iberia lo è nei sistemi radianti a pavimento. Entrambi i sistemi offrono quindi una soluzione completa per la climatizzazione delle abitazioni (guarda animazione): l’energia solare raccolta dai pannelli solari termici è convertita in freddo d’estate; l’acqua fredda viene distribuita attraverso i pannelli radianti (tubi in plastica integrati al di sotto del pavimento). La macchina ad assorbimento ClimateWell (CW10) è in grado di immagazzinare l’energia durante il giorno e utilizzarla come refrigerante o calore nel corso della notte. Ha una potenza di 10 kW e l’energia solare è immagazzinata in una soluzione di sale minerale che può essere appunto convertita in calore o freddo. Per far funzionare la macchina è sufficiente una superficie di collettori solari di circa 25 m2, ma ovviamente sono molti i fattori che possono far variare questa area captante.

Le due società hanno calcolato che il sistema può consentire un risparmio medio di circa 23.000 kWh in una casa familiare o, se volessimo monetizzarlo, circa 50 € nette al mese, più o meno sulla stessa linea dell’importo del mutuo necessario all’acquisto del sistema.
Questa soluzione tecnologica copre circa il 70% della domanda di energia delle abitazioni spagnole che verranno costruite da qui al 2010.
ClimateWell ha recentemente vinto il premio Technology Pioneer 2007 del World Economic Forum e sta attualmente ultimando un impianto di produzione a Olvega (nella regione Castilla y León in Spagna) con l’obiettivo di costruire almeno 2000 unità nel 2008 e raggiungere 12.500 unità prodotte entro il 2010. Inoltre a Madrid ha recentemente aperto un ufficio tecnico e commerciale.

LB

30 agosto 2007

Potrebbero interessarti
ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti