La temperatura mondiale del mese di gennaio 2007, combinata fra quella rilevata per la superficie terrestre e per la superficie degli oceani, è stata la più elevata di sempre. Lo ha comunicato il National Climatic Data Center del NOAA (National Oceanic & Atmospheric Administration) di Asheville (North Carolina) nel suo rapporto mensile uscito il 15 febbraio.
La temperatura globale è stata di 0,85°C più elevata della media del 20° secolo (12,0°C) per tutti i mesi di gennaio; il precedente record era stato stabilito nel gennaio 2002, quando la media del secolo era stata sorpassata di 0,71°C.

Le temperature più insolitamente calde sono state registrate nelle latitudine medio-alte dell’emisfero nord; in particolare, nelle latitudini più elevate, che maggiormente hanno influenzato questo preoccupante record, la temperatura è stata più calda addirittura di 1,89°C rispetto alla media. Per quanto riguarda la temperatura specifica della superficie oceanica quella del mese di gennaio 2007 è stata la quarta più calda in una serie storica di 128 anni, appena circa 0,05°C sotto il record che fu stabilito nel 1998, anno in cui il fenomeno del El Niño fu più intenso.
Secondo gli scienziati del NOAA a riscaldare il clima di gennaio hanno contribuito sia la presenza del fenomeno de El Niño, iniziato già a settembre del 2006 e continuato fino a gennaio, sia il continuo processo di riscaldamento globale in atto.

Nel suo rapporto il NOAA ricorda che lo scorso secolo la temperatura globale è aumentata ad un tasso di 0,06°C ogni dieci anni, ma dal 1976 il tasso di crescita è stato tre volte maggiore (0,18°C per decade), con i picchi più elevati nelle regioni delle latitudini settentrionali dell’emisfero nord.

Le analisi del NOAA per il mese di gennaio 2007

LB

23 febbraio 2007