Scrivi

Poco vento nel Bel Paese

  • 6 Febbraio 2007

Nel 2006 crescita al di sotto delle aspettive dell'eolico in Italia. Tra le cause il comportamento di alcune Regioni e la mancanza di linee guida. Un commento di Luciano Pirazzi dell'ENEA

ADV
image_pdfimage_print

La crescita del settore eolico in Italia nel 2006 è stata leggermente sotto le aspettative soprattutto per le seguenti ragioni: 

  1. Mancanza di responsabilizzazione e consapevolezza di molte Regioni centro-meridionali riguardo la necessità di dare una spinta propulsiva o, per lo meno, non frenante, nella direzione della sostenibilità ambientale, in modo di ridurre l’importo delle sanzioni che il Paese dovrà sostenere e aumentare al contempo le opportunità di crescita economica e occupazionale.
  2. A livello centrale è invece attribuibile il ritardo, sempre più grave, accumulato nel completamento attuativo della legge n. 387/03, ancora carente nell’art. 12 relativo all’autorizzazione unica e nell’emissione delle linee guida per il corretto inserimento degli impianti a fonte rinnovabile.
  3. Ritardi sempre più accentuati nella connessione degli impianti eolici alla rete elettrica.

In ogni caso, con un sostanziale contributo di nuova potenza eolica, in particolare in Puglia, che si colloca tra le regioni più aperte verso tale fonte energetica, Sicilia e Basilicata, l’Italia, nell’anno appena trascorso, è riuscita parzialmente a tenere il passo delle altre nazioni europee che hanno dimostrato ancora una volta con la Germania e la Spagna, a cui si sono aggiunte, per l’elevata percentuale di crescita del settore, Regno Unito, Francia e Portogallo, di avere riservato all’eolico un ruolo d’importanza strategica rilevante.
In prospettiva in Italia, in considerazione delle attività in corso e degli ordini siglati è prevedibile un deciso aumento di potenza nel 2007 e 2008.
Tale crescita del settore potrà essere confermata anche per gli anni successivi solo a condizione che l’atteggiamento delle regioni assuma un orientamento diverso e più incline al rispetto di un’esigenza comune.

La cartina dell’Italia con la situazione dell’eolico al 2006

Luciano Pirazzi

5 febbraio 2006

Potrebbero interessarti
ADV
×