Energia eolica in costante crescita  in Italia: +52,8% ad aprile 2006 rispetto al 2005 e +61,8% nei  primi 4 mesi del 2006 rispetto allo stesso periodo dello scorso  anno l’apporto che il vento fornisce al sistema registrando  ancora una volta il record di incremento tra le varie fonti.

Lo  rileva l’Anev (Associazione nazionale energia del vento)  commentando gli ultimi dati diffusi da Terna sui consumi  energetici nazionali.   

”Un maggior ricorso alle fonti rinnovabili di energia  consentirebbe di affrancarci dalla schiavitù delle importazioni  che, è bene ricordarlo, non riguardano solo l’energia elettrica  ma anche la grande maggioranza dei combustibili utilizzati per  generarla”, afferma in una nota il Presidente dell’Anev, Oreste  Vigorito. ”Il nostro Paese – sottolinea Vigorito – ha stabilito  come obiettivo nazionale quello di produrre almeno il 25% del  consumo di energia usando le Fonti Rinnovabili, non farlo  costerebbe ben più delle sole penalità economiche che l’Europa  ci assegnerebbe.

I costi in termini di salute, ambiente e la  strategica uscita da una dipendenza energetica pressochè  totale, sono – aggiunge il presidente dell’Anev – dei benefici  assai più rilevanti e degni di uno sforzo ulteriore per far sì  che vengano realizzati’.   L’associazione del vento sottolinea quindi che l’incremento di  potenza elettrica eolica viene realizzata proprio dove la domanda elettrica continua ad aumentare. ”Una coincidenza  fortunata – dice l’Anev – che ci permette inoltre di avvicinare  domanda e offerta contribuendo anche ad un aumento della  sicurezza della Rete di Trasmissione Nazionale”

11 maggio 2006