Pago per l’ambiente

  • 22 Aprile 2006

CATEGORIE:

Un'inchiesta rileva che in molti sono disposti a pagare di più per l'ambiente. Parte la Carovana del Clima di Legambiente

ADV
image_pdfimage_print

Un italiano su due sarebbe disposto a pagare di più la bolletta elettrica pur di avere la garanzia di una maggiore tutela dell’ambiente. E’ uno dei dati presentato oggi, in occasione della partenza della Carovana del Clima, la nuova campagna itinerante di Legambiente, realizzata in collaborazione con Energia e Corepla che durerà fino al 31 maggio.

Secondo una ricerca condotta da Lorien Consulting su un campione di 1200 cittadini adulti il 55,2% degli intervistati sarebbe disposto a pagare di più la corrente elettrica. Più garanzie ambientali e rispetto dell’ambiente sono le motivazioni che porterebbero a cambiare gestore di energia elettrica il 15,8% degli utenti, opzione seconda solo alla motivazione economica (46,2%). Al terzo posto, il 6,7% degli intervistati vede nell’utilizzo di energie alternative un valido motivo di cambiamento. L’utilizzo di fonti di energie alternative per ridurre l’impatto ambientale e’ al primo posto per il 21,6% degli intervistati, mentre in seconda e terza posizione si collocano la riduzione dell’inquinamento (11,9%) e gli investimenti nella ricerca (8,6%). Molti degli intervistati (48,7%) non che cosa rispondere, denunciando così una diffusa mancanza d’informazione.

Ed è proprio questa la motivazione che ha spinto Legambiente a mettere in campo questa nuova campagna d’informazione sull’energia e i mutamenti climatici. Risparmio energetico, inquinamento e mutamenti climatici ma anche mobilità urbana e rifiuti sono infatti i temi portanti della Carovana partita oggi da Palermo per un viaggio lungo la Penisola.

La campagna porterà avanti un programma scientifico di monitoraggio del benzene e dell’inquinamento acustico nelle otto città in cui farà tappa. Ma tra gli obiettivi c’è soprattutto, tanta informazione, grazie a una mostra interattiva e diverse iniziative per fornire ai cittadini, grandi e piccoli, quante pi ù indicazioni possibili in tema di consumi e inquinamento e sensibilizzare amministrazioni e imprese sulle soluzioni più efficaci per salvaguardare il pianeta.
“Fonti rinnovabili ed efficienza energetica – commenta Roberto Della Seta, presidente nazionale di Legambiente – sono la chiave di una politica energetica sostenibile, che riduca la dipendenza dalle fonti fossili e, di conseguenza, le emissioni di gas serra. Una direzione di marcia che conviene sia in termini economici e ambientali, sia in termini di modernizzazione e di rilancio dell’occupazione, ma proprio il Paese del sole, fatica a seguire il passo dello sviluppo mondiale nell’impiego delle fonti energetiche pulite. Mentre la Germania e la Spagna dimostrano già oggi come il solare e l’eolico siano vantaggiosi da tutti i punti di vistà”.  La campagna eredita l’impegno decennale del Treno Verde di Legambiente monitorando direttamente, a ogni tappa, il livello di rumore in punti caldi dei centri abitati, per denunciare i decibel di troppo. La Carovana comunicherà inoltre i dati sulla concentrazione di benzene nell’aria, raccolti sistematicamente dai volontari di Legambiente e gli eventuali superamenti dei livelli delle polveri sottili, sorvegliati speciali con l’iniziativa ”PM10 ti tengo d’occhio” dall’inizio di gennaio in poi.

Il monitoraggio del benzene viene effettuato attraverso un radiello, un particolare misuratore, che viene applicato per otto ore a cittadini campione. Previste anche una mostra itinerante su ”Mutamenti climatici e risparmio energetico” e una ‘casa ecologicà realizzata con tecnologie per il risparmio energetico e idrico e diverse soluzioni di bioedilizia. La Carovana conta poi tra le sue iniziative speciali rilevamenti sulla puntualità dei mezzi pubblici e le infrazioni da traffico e il Trofeo Tartaruga, la gara a cronometro tra i diversi mezzi di trasporto in città. Tra i partecipanti personalità locali dell’Amministrazione comunale e provinciale, dirigenti dell’Azienda dei trasporti, personalità dello spettacolo, sportivi.

Le tappe della Carovana del Clima 2006 sono a Palermo 19- 21 aprile, Cagliari dal 26 gennaio – 28 aprile, Caserta dal 2 – 4 maggio, Potenza dall’ 8- 10 maggio, Frosinone dal 13 – 15-16 maggio, Firenze dal 19 – 20 maggio, Genova dal 24 – 26 maggio, Pesaro dal 29 – 31 maggio. I risultati delle analisi verranno resi noti in conferenza stampa al termine di ciascuna tappa e sul sito www.legambiente.com.

22 aprile 2006

Potrebbero interessarti
ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti