Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

CoP21, perché serve una carbon tax

Luigi De Paoli, docente di Economia dell'energia alla Bocconi, spiega perché per ridurre le emissioni di CO2 la carbon tax è uno strumento insostituibile: bisogna penalizzare il carbone rispatto a fonti meno climalteranti.
Vedi il video

Limitare le emissioni di CO2 non è a costo zero né per l’economia in generale né per ciascuno di noi. La produzione di energia elettrica, che nel 2005 aveva un costo di circa il 10% del pil, secondo una road map dell’Unione Europea, nel 2050 costerà il 14,50%; dovremo quindi pagare circa il 4% in più per limitare le emissioni.

Un modo efficace per agire subito, secondo Luigi De Paoli della Bocconi, perlomeno sul fronte della produzione dell’energia elettrica, è favorire la riduzione dell’uso del carbone a vantaggio di quello del gas attraverso l’introduzione di una carbon tax di 50 euro a tonnellata, che potrebbe portare a livello europeo a un risparmio di circa 400 milioni di tonnellate di CO2 per la minore quantità di energia elettrica prodotta da carbone ogni anno.

Luigi De Paoli è professore ordinario di Economia applicata alla Boconi,  direttore del master in Economia e management ambientale e direttore della rivista Economia delle fonti di energia e dell'ambiente.