Skip to Content
Condividi contenuti RSS
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Dalla banca dati GSE si può ottenere una reportistica su base territoriale per tipologia e potenza di impianto, distinguendo le modalità di verifica. I procedimenti di verifica con esito negativo nel 2016 (1.276) hanno portato all’accertamento di importi da recuperare per 183 mln di € e una stima del mancato esborso di 1.137 mln di €.
In 5 anni la campagna ha coinvolto 785 organizzazioni. Sulla sua scia e sulla percezione del rischio legato agli investimenti nelle fossili, anche istituzioni finanziarie come Bnp Paribas decidono di disinvestire e puntare sulla transizione energetica. Ma le cifre in ballo non sono chiare.
Fotovoltaico a meno di 50 €/MWh nell’ultima gara che ha assegnato oltre 200 MW di capacità solare. I costi delle tecnologie pulite continuano a scendere. Tra le tante voci nell’...
Secondo il TAR della Campania, la Soprintendenza non può annullare, con motivazione astratta e generica, l’autorizzazione ambientale rilasciata dal Comune per un impianto solare...
Una sentenza del Tar Campania legittima i provvedimenti regionali: "se in certe zone è già stato realizzato un elevato numero di impianti non può essere ritenuto...
L'impressionante incremento di potenza del fotovoltaico su scala globale, il continuo calo dei costi e le nuove opportunità del mercato. In Italia invece bisognerà correre...
A livello europeo nel quadriennio 2017-2020 si installeranno in media 12,6 GW di nuova potenza all'anno. Il nostro Paese però rischia di rimanere paralizzato dall'incertezza normativa: investimenti e installazioni si concentreranno in Gran Bretagna, Germania e Francia, che hanno già un quadro di policy definito.
Angela Merkel, vittoriosa alle urne ma indebolita rispetto al precedente mandato, dovrà formare una coalizione che presumibilmente vedrà alleati i verdi e i liberaldemocratici, con Schulz all’opposizione. Dal carbone ai tagli della CO2, i punti più critici da affrontare.
Un'analisi di Hans-Josef Fell, ispiratore della feed-in tariff, spiega perché il passaggio dalla tariffa fissa alle aste comporta numerosi svantaggi per il pieno sviluppo delle rinnovabili. Quali attori vengono esclusi? Perché non consentirà di accelerare la riduzione dei costi delle tecnologie? E, in definitiva, a chi giova questa trasformazione dei meccanismi incentivanti?
Oltre il 10,5%: un tasso inedito per dispositivi con più celle. L'azienda giapponese, grazie al suo know-how nel film sottile, ha risolto alcuni problemi. Altre ricerche ne stanno affrontando di ulteriori, come quello della stabilità. Ma la strada per la commercializzazione è ancora lunga.
Il primo dei 4 reattori da 1400 MW di potenza della centrale di Barakah negli Emirati sarà attivo nel 2018. Entro il 2021 gli altri tre per un totale di 5,6 GW. Un paese che investe le sue immense risorse su un modello energetico ancora non chiaro: rinnovabili, fossili e atomo.
L'incertezza normativa e una strategia dal respiro corto rischiano di compromettere i business plan con cui vengono realizzati gli interventi di efficientamento energetico, con danni di credibilità sia nei confronti dei clienti che delle istituzioni finanziarie. Le proposte di AssoEsco per la SEN.
Dal 1 ottobre 2017 fino al 31 marzo 2018 saranno in vigore in Lombardia i provvedimenti di limitazione dell'utilizzo delle caldaie a biomassa e della circolazione dei veicoli finalizzati alla riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera e per il miglioramento della qualità dell'aria.
L'utilizzo dei modelli riguarda gli impianti di microcogenerazione alimentati da fonti rinnovabili, eventualmente dotati di sistemi di accumulo. Nel dectreto vengono inoltre definite anche le modalità di trasmissione e lavorazione delle richieste.
La commissione federale per il commercio internazionale ha votato all’unanimità sul caso Suniva-SolarWorld, sostenendo che l’acquisto di celle e moduli FV da certi paesi determina una consistente minaccia all’industria nazionale. Le reazioni e i prossimi passi.
Si è sempre guardato alla decarbonizzazione profonda in termini economici. Ma questo approccio, pur necessario, non è sufficiente. Vanno indeboliti i sistemi socio-tecnologici esistenti, bisogna far convergere più tecnologie e offrire sostegno socio-culturale e politico alle nuove soluzioni.
Il boom delle energie rinnovabili ha già spinto il governo ad affermare che l’obiettivo di 175 GW di energie pulite nel 2022 potrà essere superato. Il solare fotovoltaico ha toccato 16 GW di potenza totale a settembre, apprestandosi a chiudere l’anno con il botto. Scenari e incognite del mercato indiano.
Dalla SEN, secondo Giuseppe Onufrio di Greenpeace, emerge una linea: il gas prima di tutto. Un'impronta data già dal documento del Governo Monti. Più che una decarbonizzazione al 2050, che per chi l'ha scritta sembra impossibile, la SEN delinea una chiara difesa per il gas.
Al contrario di Trump, che dal primo giorno da presidente Usa ha iniziato a smontare la politica pro-rinnovabili di Barack Obama, fino a ritirare gli Stati Uniti dagli accordi di Parigi sul clima, molti imprenditori stanno seguendo la via della green economy, per una serie di ragioni.
Il bando "Efficienza energetica delle imprese" rivolto alle micro, piccole, medie e grandi imprese della regione Basilicata ha una dotazione finanziaria di 29.223.126 euro, di cui 20 mln alle micro, piccole e medie imprese. Contributi dal 30 al 50% delle spese ammesse. La documentazione.
Il punto sui finanziamenti destinati all'efficienza energetica nella Regione fatto nel corso della Conferenza Unificata, che ha visto l'approvazione del Piano Nazionale per l'efficienza energetica, dal quale giungeranno nuovi fondi anche per la Regione Calabria.
Il nuovo obiettivo europeo per il 2050 potrebbe essere azzerare le emissioni di anidride carbonica. La Commissione europea lo starebbe valutando nell'ambito dell'aggiornamento della Roadmap 2050, che venne pubblicata nel 2011, per il passaggio ad un'economia a basso contenuto di CO2.
I 310 progetti che si sono aggiudicati i 150 MW di contingente a gara hanno offerto in media 93,4 €/MWh che scendono però a 88,4 €/MWh considerando gli impianti tra 500 kW e 8 MW, con un calo del 12% sulla gara di aprile. Per il FV Parigi terrà 9 aste in un triennio.
L'annuncio dal sottosegretario del MiSE Antonello Giacomelli, in risposta a un'interrogazione in Commissione Attività Produttive della Camera. Solo dopo dell'emanazione del primo decreto attuativo arriverà il provvedimento MEF con le modalità della garanzia dello Stato.
La Commissione Bilancio sollecita conferma che la modifica al sistema delle aste per le rinnovabili non pesi sulla finanza pubblica. Lente puntata anche sulla norma su energivori gas. La nota di risposta del MEF, il testo in esame e gli approfondimenti sugli articoli su energivori e rinnovabili.
La crescita imponente dei veicoli a zero emissioni e dei sistemi di accumulo energetico farà aumentare moltissimo la domanda globale di litio. Il mercato però è ancora sottosviluppato e in mano a pochi produttori. Dalle miniere alle batterie, come potrebbe evolversi un settore cruciale per le tecnologie pulite.
La denuncia dal Movimento Difesa del Cittadino, che chiede una nuova proroga del termine di scadenza. Nonostante la scadenza fosse fissata al 30 giugno 2017, molti edifici non si sono ancora adeguati ai nuovi obblighi relativi ai sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore per gli impianti di riscaldamento centralizzato.
Il disco sarà visibile in anteprima - anche in movimento - nel Centro ENEA della Casaccia il prossimo 29 settembre, in occasione del primo Open Day della Ricerca organizzato dall’Agenzia. Saranno aperte al pubblico le hall tecnologiche e i laboratori.
Il ministero dei Beni culturali, con la circolare del 21 luglio 2017, ha sciolto alcuni dubbi legati all'autorizzazione paesaggistica semplificata (Dpr 13 febbraio 2017 n. 31). La circolare e i punti principali.
I dubbi sulla "naturalità" o meno della CO2 emessa dagli impianti geotermoelettrici. Due tesi a confronto: quella del prof. Riccardo Basosi dell'Università di Siena e quella dell’ing. Massimo Montemaggi, responsabile geotermia Enel Green Power. Fattibile la reinieizione dei gas nel sottosuolo?
Il gigante francese dell'oil&gas ha annunciato due nuovi investimenti in rinnovabili ed efficienza energetica, acquisendo Green Flex e una quota di Eren Re. Anche se il core business resta sugli idrocarburi, la corporation punta entro il 2035 a spostare un quinto degli asset sul low carbon.
Il fondo, secondo il decreto che lo ha istituito, doveva essere reso operativo entro il 17 ottobre 2014. Il provvedimento attuativo più volte è stato annunciato come “in arrivo”, ma ancora manca. Una nuova interrogazione parlamentare chiede conto del ritardo.
Alla Strategia, secondo Renovate Italy, serve più decisione, soprattutto sugli interventi sull'involucro, attualmente i meno realizzati nonostante un costo dell’energia risparmiata più conveniente. Su questa linea va anche fatta la revisione dell’ecobonus.
La misura punta ad accrescere la quota di mercato o la penetrazione in nuovi mercati delle aziende emiliane sostenendo, in particolare, le imprese che abbiano necessità di acquisire all'esterno servizi innovativi e competenze.
La misura era stata introdotta dal Parlamento nell’esame del Collegato Ambientale. Con il programma accedono al cofinanziamento statale 37 progetti per circa 33,5 milioni di euro, le restanti risorse sono invece destinate alle attività di monitoraggio.
La Regione Lombardia ha aggiornato i moduli regionali per l'autorizzazione paesaggistica che sono stati adeguati sulla base delle novità introdotte dal nuovo regolamento nazionale e dalle recenti modifiche al Codice dei beni culturali e del paesaggio.