Skip to Content
Condividi contenuti RSS
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Dietro ai nuovi investimenti c'è la fiducia in un mercato rialzista. Ma quanto è fondata questa aspettativa? Le nuove rinnovabili potrebbero essere vittima del cosiddetto “effetto cannibalismo”, cioè del calo dei prezzi causato dalla loro stessa partecipazione al mercato elettrico? Abbiamo provato a capirlo sentendo alcuni analisti.
I 50 anni del Club di Roma, il think-tank fondato da Aurelio Peccei, sono l'occasione per rilanciare la riflessione iniziata nel 1972 con "The Limits to Growth". Oggi un nuovo rapporto "Come On! Capitalism, Short termism, Population and Destruction of the Nature", disponibile online.
Approvato a Strasburgo il nuovo regolamento sui test dei veicoli, che punta a evitare il ripetersi di scandali come il dieselgate. Verifiche più capillari, multe alle case...
Ma nelle prossime settimane bisognerà smussare le divisioni tra l'Europarlamento e il Consiglio Ue, trovando una posizione comune sui traguardi al 2030, che i deputati...
Le nuove misure si avvicinano alla pubblicazione. Dopo il parere dell'Autorità per l'Energia, il provvedimento che interviene sul meccanismo dei titoli di efficienza...
Il documento Arera in consultazione illustra gli orientamenti in merito alla definizione delle specifiche funzionali caratterizzanti la versione "2.1" dei contatori...
In un editoriale sul New York Times l'ex vicepresidente democratico fa incrociare le strade della lotta al global warming con quelle della crisi economica. Propone agli Stati Uniti di Obama un piano in 5 punti per il 100% di elettricità da rinnovabili in 10 anni.
Il Commissario europeo sull'energia Andris Piebalgs interviene sull'abolizione dell'attestato di certificazione energetico, rispondendo a una interrogazione dell'eurodeputata Monica Frassoni, e chiede chiarimenti al governo italiano.
Esce il World Energy Outlook della IEA. Viene sancita la fine del petrolio a bassi costi e che l'attuale sistema energetico non è più sostenibile. Serve subito l'avvio di una rivoluzione energetica globale perché di tempo ne resta poco.
L'enorme richiesta di incentivi per i grandi impianti fotovoltaici potrebbe minare la filosofia che sta dietro al conto energia e portare ad una involuzione "spagnola". E' necessario allora monitorare il settore. Un'analisi di Mario Gamberale del Kyoto Club.
La presentazione di Paolo Zavatta, Direttore Commerciale Conergy Italia SpA in occasione dell'evento Key Energy di Rimini.
L'eolico negli Stati Uniti non arresta la sua corsa: probabili 7.500 MW nel solo 2008, una cifra che significa un altro anno record, nonostante la crisi. Importante per il futuro del settore poter contare su incentivi certi.
Le proposte in materia ambientale del neopresidente saranno messe alla prova dalla crisi economica, ma sono anche la strada per uscirne. I tagli delle emissioni probabilmente dovranno aspettare il rilancio dell'economia verde nazionale?
Che i bassi prezzi attuali siano solo una parentesi lo pensano anche gli addetti ai lavori. Un sondaggio tra geologi petroliferi mostra che la maggior parte di loro crede in un picco molto vicino e in prezzi prossimi ad un rapido rialzo.
La storica vittoria di Obama porterà profondi cambiamenti anche nello scenario energetico e climatico degli Usa e mondiale. Probabile una forte spinta all'industria delle rinnovabili e dell'efficienza energetica. Il commento di Gianni Silvestrini.
Il Governo cinese tenta di affrontare cambiamenti climatici e inquinamento. Servirà amche l'aiuto dei paesi ricchi, dicono. Ma l'ostacolo più grande è l'enorme utilizzo del carbone che, segnala un report, ha costi esterni per il paese pari a 7 punti di Pil.
Per dimezzare le emissioni di CO2 il 50% dell'offerta di elettricità mondiale al 2050 dovrà essere prodotta da rinnovabili. La stima è in uno nuovo studio dell'International Energy Agency. Richiesto un cambio di passo dei governi.
Un articolo di Matteo Leonardi su Il Manifesto spiega il rifiuto dell'Italia alla sfida su energia e ambiente al 2020 e analizza le matrici di questo scontro con l'Europa.
RES LEGAL è una banca dati dei 25 paesi dell'UE gestita dal Ministero tedesco federale per l'ambiente che raccoglie fonti e informazioni sulle incentivazioni alle energie rinnovabili e sulla loro connessione alla rete.
Pubblicato "Global Wind Energy Outlook 2008", lo studio di GWEC e Greenpeace sulle prospettive dell'eolico. Entro il 2020 il vento potrebbe fornire più del 12% dell'elettricità mondiale, dando lavoro a 1,2 milioni di persone.
Le pompe di calore geotermiche, una tecnologia standard e affidabile per la climatizzazione invernale, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria. Comunicato stampa del progetto europeo Ground-Reach.
L'ingiustificato entusiasmo sui progetti di cattura e sequestro della CO2 in una recente conferenza stampa alla presenza del Ministro Prestigiacomo e degli amministratori delegati di Enel ed Eni. Molti invece gli interrogativi e la incertezze sui tempi di questa tecnologia.
Il tentativo di resuscitare il nucleare rischia di far perdere all'Italia un altro treno per una leadership nelle tecnologie verdi. Venti anni fa non colse questa opportunità, e oggi verrebbero deviate risorse e intelligenze. L'editoriale di Gianni Silvestrini.
Una storia di burocrazia tutta italiana raccontata da Niccolò Aste del Politecnico di Milano: gli interminabili iter che hanno bloccato un progetto, quello di Borgo Solare presso Ferrara, di alto valore per innovazione e compatibilità energetico-ambientale.
L'Italia è prima in Europa per numero di stufe a pellet installate. La segatura pressata è un combustibile con diversi vantaggi e in continua crescita. Ne parliamo con Marino Berton, coordinatore dell'Associazione Italiana Pellets.
Mentre si parla di centrali future il problema delle scorie radioattive italiane resta irrisolto. L'ipotesi del sito unico di stoccaggio si allontana ed emerge quella di esportarle negli Usa, da dove però potrebbero tornare al mittente.
La nostra redazione ha ricevuto ed è lieta di pubblicare una sorta di manifesto del neonato Comitato nazionale "no nuke" e a favore delle rinnovabili e dell'efficienza energetica. Perché bisogna opporsi al ritorno del nucleare in Italia.
Il nuovo rapporto di Erec e Greenpeace parla di rivoluzione energetica: come soddisfare il 56% della domanda di energia primaria mondiale al 2050 con le rinnovabili e risparmiare 14mila miliardi di euro in combustibili fossili.
Il cantiere della centrale nucleare di Olkiluoto, esempio citatissimo dai nuclearisti europei, continua a ingoiare miliardi e così svanisce il miraggio dell'elettricità a basso costo.
Il petrolio continua la sua discesa vertiginosa nonostante i tagli alla produzione annunciati dall'Opec. Dietro alla svalutazione del barile, spiega un'analisi su The Oil Drum, meccanismi più complessi della semplice legge di domanda e offerta.
L'azione compiuta da Greenpeace domenica scorsa alla centrale a carbone di Fiume Santo ha ottenuto dalla Regione Sardegna la dichiarazione che nel futuro energetico sardo ci sarà meno carbone e più eolico. Ne parliamo con Francesco Tedesco.
Il resoconto e il punto di quanto accaduto nei giorni scorsi sullo scontro tra Governo e Unione Europea sul pacchetto clima 2020. L'analisi, in due articoli, è di Marzio Galeotti pubblicati su LaVoce.info.
Intervista audio di MicroMega On line al climatologo Luca Mercalli. Le questioni economiche usate dal governo italiano per ostacolare il pacchetto europeo su energia e clima sono un falso problema e una scusa per non cambiare strada.
L'efficienza energetica può essere un propulsore dell'economia. Uno studio sulla California, dove le politiche per l'efficienza, in vigore da 35 anni, hanno fatto e faranno molto per reddito e lavoro.
Secondo la ricerca di mercato della società tedesca EuPD Research le installazioni fotovoltaiche in Italia cresceranno in media fino al 2010 del 119% annuo. Il giro d'affari toccherà il prossimo anno 1,2 mld di euro.
Affrontare la crisi energetica e ambientale non è un costo, ma la via migliore per tirarsi fuori dalla crisi economica. Lo sostiene anche l'Unep che auspica un "Green New Deal". Ne parla un editoriale dell'Independent.