Skip to Content
Condividi contenuti RSS
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

È il fotovoltaico il settore più dinamico del 2017, che ha permesso di chiudere uno degli anni migliori per l’economia verde globale, con 333 miliardi di dollari investiti nelle tecnologie pulite. Le classifiche di Bloomberg New Energy Finance per paesi e per singole fonti.
Dalle associazioni ambientaliste italiane soddisfazione per i target 2030 su risparmio energetico ed energia pulita, approvati ieri da Strasburgo con un rialzo al 35%. Ma anche qualche critica. Le prime reazioni di Greenpeace e Kyoto Club.
L'ultima sessione di mercato dei certificati bianchi, la seconda del 2018, fa segnare un nuovo massimo, a 371 €/Tee. Intanto i dati Gme sul 2017 mostrano che l'anno...
Negli ultimi anni è molto cambiata la percezione delle minacce per il nostro pianeta, sulla scia dei timori per il surriscaldamento terrestre, evidenzia il Global Risks Report...
Come abbiamo riportato ieri, sia sul risparmio energetico che sulle fonti rinnovabili, gli eurodeputati hanno votato un obiettivo vincolante del 35% al 2030, rialzando i target...
Un report di Centrica Business Solutions sulla resilienza energetica sottolinea che, benché il 94% dei manager italiani intervistati la ritenga importante, soltanto il 38% delle...
La potenza eolica installata nel mondo nel 2006 ha evitato le emissioni di anidride carbonica di 23 centrali a carbone. Un'analisi del Worldwatch Institute
Il Governo spagnolo ha approvato una serie di misure urgenti per ridurre i consumi energetici e rallentare la crescita delle emissioni per il periodo 2008-2012. In 5 anni previsto un taglio di 238 milioni di CO2
Oltre 1000 le proposte arrivate al Ministero dello Sviluppo Economico per "Industria 2015" su efficienza energetica e rinnovabili. Tra le tecnologie più considerate nelle idee progettuali c'è il fotovoltaico.
Nicoletta Forcheri ci ha inviato questa documentata analisi sulla querelle dei permessi di ricerca di idrocarburi nel Chianti e in altre aree della Toscana. Una vicenda che richiede risposte precise da parte delle istituzioni.
Secondo Goldman Sachs entro la fine dell'anno il petrolio toccherà quota 95 dollari al barile e nel 2008 potrebbe arrivare a 100. Anche i politici USA di entrambi gli schieramenti chiedono lumi sulla futura produzione.
In 150 anni i ghiacciai alpini si sono dimezzati. Quelli italiani sono in arretramento dal 1990, ma dal 2003 il fenomeno è in forte accelerazione. Il resoconto di un workshop tenutosi a Saint-Vincent
Il Centro turistico studentesco e giovanile e il Comitato italiano Ecolabel hanno siglato un accordo quadro per un turismo sostenibile e di qualità
Qualenergia.it ha intervistato il Professor Gianni Mattioli, docente di Fisica matematica e di Fisica presso l'Università di Roma "La Sapienza", sulle criticità degli impianti nucleari e sul futuro della tecnologia
Accordi tra industrie biotech e quelle petrolifere e automobilistiche per la produzione di biocombustibili da Ogm. Un eco-business sempre più in mano alle multinazionali e sempre meno sostenibile.
L'Agenzia delle Entrate chiarisce alcuni aspetti relativi al trattamento fiscale degli incentivi in conto energia al fotovoltaico e della vendita dell'elettricità prodotta da questi impianti.
La Federazione Lombarda delle Banche di Credito Cooperativo e Legambiente Lombardia siglano un accordo per l'erogazine di prestiti a favore di impainti a fonti rinnovabili
Nel 2006 le emissioni diminuiscono dopo 15 anni di incrementi: le stime parlano di una riduzione dell'1,5% rispetto al 2005, grazie al clima mite dello scorso inverno
Un'analisi critica del Documento di programmazione economica e finanziaria per gli anni 2008-2011 sui temi ambientali ed energetici. Un articolo di Marzio Galeotti
Il tema della liberalizzazione trattato nel Forum organizzato dall'Agenzia Dire, dal titolo, "Energia, mercato aperto: servizi su, bollette giu?". Le dichiarazioni di Silvestrini in un breve resoconto
Dal rapporto tedesco sui risultati delle incentivazioni alle fonti rinnovabili nascono i nuovi orientamenti per i prossimi anni. Al 2030 la Germania punta a produrre, a costi contenuti, 249 TWh da rinnovabili
Un rapporto curato da varie organizzazioni affronta in un'ottica interdisciplinare la nuova corsa mondiale ai biocombustibili. In rilievo gli impatti negativi
L'industria del petrolio statunitense afferma per la prima volta che l'offerta di petrolio e gas non riuscirà a tenere il passo della domanda mondiale. Studio del National Petroleum Council.
Nucleare e carbon sequestration assorbono molte più risorse per la ricerca rispetto alle rinnovabili dal potenziale gigantesco. L'editoriale di Gianni Silvestrini.
Riportiamo integralmente l'intervista a Fatih Birol, direttore degli Studi Economici della IEA pubblicata su Le Monde. Un quadro su domanda e offerta mondiale di petrolio che fa temere una grave crisi energetica per l'umanità.
Claudio Casale del CESI Ricerca fa un ampio resoconto del progetto europeo "REALISE-Forum" per Qualenergia.it: incentivi e promozione delle fonti rinnovabili nell'Unione Europea secondo i protagonisti
Una guida dell'Agenzia delle Entrate sulla detrazione fiscale per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici
Studio della Commissione: il consumo di elettricità dell'UE 25 è aumentato al  ritmo dicrescita del PIL globale, annullando i risparmi complessivi di energia ottenuti tra il 1999 e il 2004.
Riportiamo le risposte di Assolettrica ed Enel scaturite dalle denunce di Greenpeace sul livello crescente delle emissioni causate dal termoelettrico italiano. Greenpeace ha rilasciato a Qualenergia.it una controreplica
Una nota di Mariagrazia Midulla del WWF Italia sul Green Paper dedicato all'adattamento al cambiamento del clima e alle strategie dell'UE e sulla conferenza di Bruxelles dello scorso 3 luglio su queste tematiche
"Zerocarbonbritain", un rapporto con una visione rivoluzionaria del futuro energetico del Regno Unito. Soluzioni politiche efficaci e uso di tecnologie conosciute per ridurre a zero le emissioni al 2027
Ecolabel: l'Italia alla guida del turismo ambientale europeo. Aumentano le strutture turistiche italiane certificate Ecolabel europeo.
Greenpeace denuncia il costante aumento delle emissioni in Italia, + 13% dal 1990. Stila la classifica e il termoelettrico, con Enel in testa, risulta il principale settore per produzione di gas serra. Allora ci chiede: perché ancora  carbone?
L'impennata del prezzo dell'uranio: oggi è di 133 dollari per libbra, in 6 mesi è raddoppiato e dal 2001 è aumentato di quasi 20 volte
Ufficializzati i risultati della ricerca del Centro Studi Solarexpo sul mercato italiano del solare termico nel 2006: circa 130 MWth installati, pari ad una superficie di 186.000 m2 di collettori
Dopo l'ultimo preoccupante rapporto sul petrolio della IEA, dalle colonne del Financial Times un quadro sulla crisi energetica e mondiale e l'insufficiente risposta della comunità mondiale