Skip to Content
Condividi contenuti RSS
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

È tempo che anche la grande industria, metallurgica in testa, cominci a ripensare tecnologie e processi per rendere i suoi prodotti meno inquinanti e meno energivori. Le soluzioni possibili sono diverse, ma senza l’aiuto di una carbon tax difficilmente si potranno applicare.
Un immobile con impianto FV di titolarità del proprietario si può locare a "utenze incluse", con diverse unità e un unico punto di connessione? Per la nostra rubrica “Chiedilo a QualEnergia.it PRO - Leggi e Fisco", risponde l'avvocato Emilio Sani dello studio Macchi di Cellere Gangemi.
Botta-risposta tra gli scienziati sul futuro dell’energia nel mondo: secondo un gruppo di università e istituti di ricerca, gestire una rete elettrica alimentata solo con le...
Visto i risultati che hanno portato, il mantenimento degli sgravi fiscali è pienamente compatibile con la strategia delineata nel “contratto per il governo”, di ridurre il debito...
Il 18 maggio scorso l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato una nuova circolare con la quale chiarisce alcuni dubbi legati alla cessione del credito prevista per la detrazione...
Un nuovo rapporto della IEA traccia uno scenario poco rassicurante sul futuro della climatizzazione: senza politiche molto più severe per migliorare le prestazioni minime degli...
Le previsioni ufficiali dei vari Stati membri sull'obiettivo del 20% di rinnovabili al 2020 sono positive. Mancano quelle dell'Italia, in ritardo sulla consegna. Molti contano di farcela e alcuni ritengono anche di superare gli obiettivi assegnati. Ma gli ostacoli sono diversi e l'ottimismo che serpeggia dovrà fare i conti con i piani d'azione nazionali da presentare a giugno.
Ren 21, la rete internazionale per le politiche sulle rinnovabili, ha lanciato la Renewables Interactive Map, uno strumento on line che fornisce la fotografia delle politiche e dello sviluppo delle rinnovabili in tutti i paesi del mondo.
Il gruppo Saint-Gobain ha partecipatoalla Fiera Klimahouse di Bolzano, presentando diversi marchi come Saint-Gobain Isover, Saint-Gobain Weber, Saint-Gobain Gyproc e Saint-Gobain Glass.
Secondo le previsioni di un'analista della società di ricerca e consulenza Gartner da oggi al 2013 il settore fotovoltaico subirà alcuni mutamenti rilevanti come la maggiore integrazione verticale dell'industria o il notevole sviluppo di alcuni nuovi mercati nazionali come quelli statunitensi e indiano.
Un rapporto della Corte dei Conti britannica mette in guardia: c'è il rischio che i costi per i nuovi reattori vadano a ricadere sullo Stato, quindi sui cittadini. Nel contratto stipulato con EDF mancano garanzie in proposito. Un ulteriore colpo alla credibilità della promessa di un nucleare privato economicamente autosufficiente.
A Casa Clima in questi giorni a Bolzano è in mostra il meglio dell'edilizia sostenibile. Patria della certificazione energetica da cui prende il nome l'evento, la provincia in questo settore è sicuramente due passi avanti rispetto al resto del paese. Come hanno fatto? Ne parliamo con l'assessore all'Urbanistica e all'energia Michl Laimer.
Total installed wind power in our country is increased by 30%: 1114 MW in 2009 for a cumulative figures of 4.850 MW. It strengthens the 3rd place in Europe and the 6th in the world. The downside is that we are largely importers of technology and we have a framework yet to be completed, as well as having deficiencies in terms of educational and informative.
Con l'approvazione definitiva della "missione solare nazionale", che prevede 20 GW al 2020, l'India si candida ad essere il mercato del futuro per il solare termico e fotovoltaico, anche se non mancano gli ostacoli. Intanto anche negli altri paesi del sud-est asiatico le politiche a favore delle fonti rinnovabili si fanno più aggressive.
Aumenta del 30% la potenza eolica totale installata nel nostro paese: 1.114 MW nel 2009 per un dato cumulativo di 4.850 MW. Si consolida il nostro 3° posto in Europa e il 6° nel mondo. La nota negativa è che siamo in gran parte importatori di tecnologie e abbiamo un quadro normativo ancora da completare, oltre ad avere carenze dal punto di vista formativo e informativo.
Diverse ricerche confermerebbero il legame che esiste tra l'esposizione alle radiazioni di residenti vicine a infrastrutture nucleari e lo sviluppo di cancro e leucemia, soprattutto nella popolazione infantile, anche per rilasci a livelli molto bassi. Un autorevole studio tedesco, commissionato dal governo, poco citato in Italia, accerta questa relazione.
Una coalizione di 149 azionisti Shell esprime forti dubbi sugli investimenti nelle sabbie bituminose canadesi, uno dei metodi più costosi e inquinanti per ottenere petrolio. Ma anche noi cittadini italiani stiamo partecipando ad un investimento del genere: quello che Eni, società pubblica al 30%, sta facendo in Congo.
Incentivi maggiorati del 5% per chi prevede il fotovoltaico al posto dell'eternit: gli esperti Ubisol, azienda riminese che opera nel settore delle fonti rinnovabili, hanno già effettuato interventi di questo genere su oltre 3mila metri quadrati di tetti.
Favignana, Levanzo e Marettimo saranno un laboratorio avanzato per lo sviluppo delle rinnovabili, l'efficienza energetica e l'abbattimento della CO2 nelle isole minori. Un progetto di AzzeroCO2 finanziato dal bando del Ministero dell'Ambiente. Previsto un risparmio di quasi 6 milioni di kWh, l'ammodernamento delle infrastrutture energetiche e nuova occupazione.
Per rendere meno indolore il programma nucleare Enel afferma che il 70% dell'investimento riguarderà la parte non nucleare che potrebbe coinvolgere imprese italiane. L'esperienza Edf dice che le percentuali vanno ribaltate. E poi ci sono i debiti dell'Enel e la sicurezza dell'Epr. Un articolo del direttore esecutivo di Greenpeace Italia, Giuseppe Onufrio, pubblicato su "Il manifesto".
Oltre le previsioni la potenza fotovoltaica installata nel 2009 in Germania: circa 3 GW, la metà del totale mondiale. Alla luce di questo risultato si apre la discussione sull'entità del taglio degli incentivi tedeschi. Un fattore che può condizionare il mercato globale nel 2010 e negli anni a venire. L'editoriale di Gianni Silvestrini.
La Francia annuncia le nuove tariffe incentivanti per il fotovoltaico, valide  fino al 2012: tagli fino al 24% per non pesare troppo in bolletta e misure per frenare la speculazione. Intanto anche in Germania una nuova riduzione degli incentivi è prevista a breve, dopo un anno da record per il settore.
Visto l'andamento delle installazioni degli ultimi mesi e considerando che anche quest'anno si è avuta un'impennata degli impianti entrati in esercizio nel mese di dicembre, possiamo affermare con molta probabilità che verrà superata la soglia dei 900 MW fotovoltaici incentivati con il conto energia. Alcuni dati statistici per Regione.
Battaglia legale della Micronesia contro una centrale a carbone in Repubblica Ceca: un paese non può decidere da solo su impianti che accelerano il cambiamento climatico causando così danni in aree più sensibili del mondo. Questo è l'argomentazione della federazione di isole che può anche diventare un precedente importante.
Per le strade di Akokan, nel Niger, pavimentate con gli scarti delle miniere di uranio, la radioattività è fino a 500 volte il livello di fondo, rileva Greenpeace.  Areva le aveva fatte bonificare appena un anno fa, ma ora ammette che qualcosa ancora non va. Anche nella parte più a monte della filiera nucleare poca trasparenza e troppi rischi.
Siliken costruirà a Castellaneta (TA) per Alerion una centrale fotovoltaica da 14 MW di potenza. L'installazione chiavi in mano sarà conclusa nel giugno 2010.
Efficienza e flessibilità confermate anche dalla stampa tecnica per l'inverter Conergy IPG 5S: riesce a sfruttare un ampio intervallo di tensione MPP, tra i 275 e i 750V.
Rinascimento dell'atomo? Uno studio dell'istituto svizzero Prognos prevede un declino drastico del nucleare nei prossimi 20 anni. Realisticamente solo il 35% dei progetti annuciati per il 2030 verrà realizzato e per quell'anno la quota del nucleare nel mix elettrico mondiale sarà più che dimezzata.
Sullo stabilimento del'azienda Solarday, produttrice di moduli, è stato realizzato un impianto fotovoltaico della potenza nominale di circa 218 kW. La produzione annuale è prevista in circa 243mila chilowattora.
Quali sono ad oggi gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra dichiarati dai paesi industrializzati ed emergenti? Sappiamo che se fossero confermati ci porterebbero molto lontano da quell'obiettivo di mantenimento della temperatura sotto i due gradi. Un'elaborazione di Veronica Caciagli dell'ufficio Cambiamenti Clmatici del Consolato Britannico di Milano.
Tra le diverse crisi in atto quella dell'esaurimento delle fonti fossili è spesso trascurata dalla politica. Facciamo il punto della questione "picco del petrolio" grazie ad un articolo del presidente Aspo, Kjell Aleklett, che ritiene raggiunto il plateau della produzione globale a 85-86 milioni di barile al giorno.
In view of the installation trend in recent months, and also considering that again this year system start ups peaked in December, we can state that, with all probability, photovoltaic capacity installed under the "energy account" incentive scheme will exceed 900 MW. Some regional statistics are given below.
L'analisi dell'accordo fatta dal World Resources Institute: un contenitore ancora vuoto ma essenziale come base per la lotta al global warming: Se si tradurrà in un successo lo si potrà dire solo a fine 2010 quando i paesi lo avranno "riempito" con impegni concreti.
Prof. Josef Spitzer, Joanneum Research, Austria, will be the Conference General Chairman of the 18th European Biomass Conference and Exhibition (3-7 May 2010 in Lyon, France).
La società del padovano lancia una nuova serie (Linea Plus) di moduli fotovoltaici ad alta efficienza in silicio multicristallino a 60 celle delle dimensioni 156 x 156 mm. Garanzia di 10 anni.
Entro il 2015 nel mondo si investiranno circa 200 miliardi di dollari per migliorare le reti elettriche e renderle più "intelligenti". Lo prevede un nuovo report di Pike Research. Un'infrastruttura che gestisca al meglio domanda e offerta è il presupposto fondamentale per lo sviluppo delle energie pulite distribuite e la riduzione degli sprechi.