Skip to Content
Condividi contenuti RSS
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Il residenziale ha sostanzialmente raggiunto l’obiettivo atteso al 2020, l’industria è circa a metà del percorso previsto, mentre risultano ancora indietro trasporti e terziario, settore quest’ultimo in cui rientra la PA. Il 7° Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica dell’ENEA.
L’accordo sull’obiettivo del 32% dei consumi finali da soddisfare con le rinnovabili richiederà per l’Italia un forte sviluppo di eolico e soprattutto fotovoltaico. L’obiettivo finale dipenderà dal livello dei consumi. Ma per il FV bisognerà arrivare a circa 80 TWh di produzione, cioè 3,6 volte l’attuale.
Un nuovo studio di Oil Change International ribadisce che il combustibile di origine fossile non può fare da “ponte” alla transizione energetica verso le tecnologie pulite. Il G20...
Dal 2 luglio 2018 alle 12 sarà possibile presentare richiesta di qualifica per gli impianti di produzione di biometano o di biocarburanti avanzati ai fini dell’accesso ai...
Questo uno dei trend che emergono dalla nuova fotografia a del settore scattata dalla IEA nell'ultimo report pubblicato nel suo Solar Heating and Cooling Programme. In...
Ricercatori hanno testato in Arizona un dispositivo capace di catturare l’umidità presente nell’atmosfera di notte, per poi farla condensare di giorno, ricavando acqua potabile,...
L'UNI ha pubblicato la norma che specifica i requisiti di durabilità, affidabilità e sicurezza degli impianti solari di piccole e grandi dimensioni assemblati per il riscaldamento e il raffrescamento con mezzo termovettore liquido per edifici residenziali e applicazioni similari.
Per la prima volta dopo lo stallo del trilogo tra Commissione, Parlamento e Stati membri, si può parlare ufficialmente di obiettivi intorno al 33%, quindi molto vicini alle richieste degli eurodeputati. Ma con ogni probabilità ci saranno da fare alcune concessioni su altro. E l’Italia, con la Spagna, potrebbe contribuire a rafforzare gli impegni.
L’Italia può arrivare al 2030 al 59% di rinnovabili sui consumi elettrici, cioè ben oltre il target del 55% previsto dalla Strategia Nazionale e abbandonare il carbone senza costi e senza nuovi impianti a gas. Un nuovo studio dell'European Climate Foundation dedicato al nostro Paese.
Operativo in Gran Bretagna il primo impianto-pilota di taglia commerciale, da 5 MW/15 MWh, che utilizza la tecnologia LAES per liquefare l’aria e poi riportarla allo stato gassoso, attivando delle turbine per produrre elettricità su richiesta. Vediamo in sintesi come funziona questa tecnologia e quali sono le sue prospettive.
Nuovi dati lasciano ben sperare, ma il nuovo Governo non dovrà fare mosse sbagliate: l’eliminazione delle detrazioni fiscali, ipotizzata in connessione alla flat tax, renderebbe impraticabile decarbonizzare il patrimonio edilizio. Un intervento di Virginio Trivella, del Comitato tecnico scientifico di Rete Irene.
Consumatori correttamente informati sui benefici, economici e ambientali, dei risparmi energetici da loro direttamente conseguibili. Consumatori supportati per mettere in campo azioni comuni volte a raggiungere una massa critica nel settore dell’efficienza energetica. Un nuovo bando "Horizon 2020".
Come previsto dalle procedure concorrenziali, ciascun operatore ammesso deve rilasciare entro il 15 giugno 2018 una garanzia nella forma di deposito in contante infruttifero e contestualmente comunicare l'ammontare del deposito nell'apposita sezione del portale GO.
Dal 31 maggio 2016 sono arrivate al GSE circa 87 mila domande, per un totale di circa 346 milioni di incentivi richiesti, di cui 196 milioni relativi a richieste di soggetti privati e 150 milioni relativi a richieste della Pubblica Amministrazione.
L’associazione ha inviato una lettera alla Regione Sicilia per chiedere di riconsiderare con la massima sollecitudine la scelta della moratoria nei confronti del rilascio delle autorizzazioni per gli impianti solari ed eolici.
Il neoministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha bollato come “inutile” il corridoio Sud, che dovrebbe trasportare 10 miliardi di metri cubi di nuovo gas in Italia, sposando la tesi contraria a quella del precedente governo, che invece riteneva quest’opera strategica. Come andrà a finire?
La sola realizzazione di un impianto fotovoltaico può usufruire del credito d'imposta previsto per gli investimenti nel Mezzogiorno? Nell'ambito della nostra rubrica “Chiedilo a QualEnergia.it PRO", rispondono l'avvocato Marcello Astolfi e i commercialisti Vittorio Parisi e Michela Pitti.
Uno studio dell’EASE, l’associazione europea dei sistemi di accumulo elettrico, prova a stimare la domanda tecnica di storage energetico nell’Ue al 2050, considerando vari livelli di diffusione della generazione eolica-solare e diversi gradi di sviluppo delle altre soluzioni che possono stabilizzare la rete.
Secondo gli ultimi dati statistici, dopo sei anni dalla sua nascita la certificazione di qualità del pellet ENplus® rappresenta, con una produzione di oltre 8 milioni di tonnellate, circa il 67% di tutto il pellet usato per la produzione termica in Europa. La stima per il 2017 è di circa 9,2 milioni di tonnellate. Le raccomandazioni per accertarsi della sua qualità.
La Germania sta affossando la sua possibilità di rispettare gli accordi sulle emissioni «iper-esportando» elettricità. Pur di non diminuire l’output da lignite e carbone, ne esporta gli eccessi produttivi anche quando c’è abbondanza di solare ed eolico, danneggiando i vicini e innalzando la quantità di carbonio nel suo kWh. Quali soluzioni?
L’arrivo delle nuove normative UNI e il lancio del marchio "Posa Qualità Serramenti" hanno contribuito a far crescere il business dei corsi sulla posa serramenti, come difendersi da millantatori? Alcune indicazioni della CNA produzione.
A fondare la nuova associazione Enel X, Ald Automotive Italia, Abb, Volkswagen Group, Cobat e Politecnico di Milano. Vediamo quali sono i primi tavoli di discussione in programma.
Si stima un oversupply di 34 GW nell'industria dei moduli FV. Il calo dei prezzi dovuto al ridimensionamento della domanda cinese, sommato a quello provocato dai dazi statunitensi ai prodotti cinesi, potrà dare un'ulteriore spinta alla domanda europea e italiana già in ripresa.
Mentre l’Europa dichiara guerra ai prodotti monouso e le Nazioni Unite rimarcano i rischi associati all’eccesivo utilizzo di questo materiale, un nuovo studio fa capire quanto sia elevato l’impatto della plastica vergine in termini di petrolio consumato e relative emissioni di CO2.
Per il bilancio europeo 2021-2027, la Commissione propone un aumento del 47% dei fondi per le “infrastrutture ad alte prestazioni”: dai progetti transfrontalieri di rinnovabili, alla banda larga e alle ricariche per i veicoli elettrici, passando per la Tav Torino-Lione, Brennero e nuovi elettrodotti.
Mentre il decreto Fer 1 resta bloccato, in Italia, come in altri mercati europei, sta arrivando una nuova ondata di investimenti in FV di grande taglia in market parity. C'è ottimismo e ci si sta attrezzando per il rischio implicito in questi progetti. Se n'è parlato a “Solar Market Parity UE” di Solarplaza.
Come verificare se la potenza impegnata è giusta per le proprie esigenze, come cambiarla e quanto costa. Gli strumenti utili per monitorare i consumi dei vari elettrodomestici. I cambiamenti introdotti dalla riforma delle tariffe elettriche. I punti principali in sintesi.
La diminuzione del costo, di 238 milioni, è dovuta al rialzo del prezzo dell'energia, all'introduzione del 2017 nello storico di produzione degli impianti e alle scadenze di impianti ex-CV e CIP6. L'analisi del GSE e le proiezioni sul futuro.
Entro il 30 settembre è possibile partecipare alla nuova edizione del contest sponsorizzato da Viessmann dedicato a progettisti e architetti.
Qual è la procedura per accedere al credito d’imposta per il Mezzogiorno, cofinanziato con risorse del PON Imprese e competitività? Vanno rendicontate le spese? Per procedere con gli investimenti bisogna aspettare l'ok del Ministero? Le risposte del MiSE.
Lo scorso anno la domanda elettrica è stata pari a 320,4 TWh, con un aumento del 2% sul 2016. Le rinnovabili, in calo, hanno coperto il 32% della richiesta. In diminuzione anche il saldo con l'estero. Si è avuta così una crescita del termoelettrico. Intanto spunta un obiettivo di elettrificazione dei consumi finali di energia al 2050 del 59%. Ma con quali fonti?
L’ultimo rapporto di REN21 che contiene tutte le statistiche globali sulle fonti fossili vs rinnovabili ammonisce: le tecnologie “pulite” corrono quasi a senso unico, visto che il loro contributo nei trasporti e nel riscaldamento resta ancora molto limitato. Dati, tendenze e possibili soluzioni in sintesi.
Verso un cambio di rotta di Sergio Marchionne sui veicoli a zero emissioni nel piano industriale Fiat-Chrysler per il 2018-2022. Il gruppo italoamericano punterà di più sui modelli elettrificati, con un occhio rivolto anche alle soluzioni di guida autonoma. Confermato lo stop al diesel dal 2021.
Nonostante le tecnologie low carbon a prezzi sempre più bassi stiano facilitando il processo di decarbonizzazione, è ormai sempre più evidente, come dimostrano anche gli ultimi dati sulle emissioni cinesi, che da sole non basteranno. Servono nuovi modelli di vita e di sviluppo.
La petizione, rivolta al governo e al MiSE in particolare, che chiede di ripristinare gli incentivi chi bonifica i tetti dall’amianto e vi installi un impianto FV di qualsiasi taglia. Un incentivo che può essere inserito anche nel nuovo decreto rinnovabili. Oltre 53mila le firme ad oggi.
È entrato in vigore il Decreto Direttoriale 15 maggio 2018, che stabilisce modalità e tempi con cui i fornitori di energia elettrica per veicoli stradali e motocicli a trazione elettrica dovranno effettuare la propria autodichiarazione.