Se non riuscite a visualizzare correttamente questa newsletter fare click qui
Newsletter n. 305 del 23 giugno 2017

Tenendo come riferimento la SEN, al 2030 si dovrà generare con il FV una quantità di elettricità oltre due volte e mezzo quella attuale. Uno scenario che richiede di arrivare rapidamente ad installazioni annuali di 2,5 GW, una potenza 7 volte maggiore dell’attuale incremento annuale. L'editoriale di Gianni Silvestrini.

La Strategia Energetica Nazionale

Un nuovo report avverte che è necessaria una decarbonizzazione profonda, anche con l’eliminazione del gas che ha comunque emissioni molto elevate. Nuove e inutili infrastrutture per questa fonte, previste anche nella SEN, ci allontaneranno dalla rapida diffusione delle rinnovabili e dall’Accordo di Parigi.

Il giudizio di Legambiente sulla nuova Strategia Energetica Nazionale presentata dal Governo: nel documento vari aspetti positivi, ma un programma troppo modesto e vago per affrontare la sfida del clima e che è concreto solo sui piani che riguardano il gas. “Ci vuole più coraggio e lungimiranza”.

Per l'efficienza energetica la nuova Strategia Energetica Nazionale punta molto sul settore residenziale. Si prevedono un'articolata riforma delle detrazioni fiscali per il risparmio energetico, un potenziamento del Fondo di garanzia e nuovi obblighi in capo ai venditori di energia.

Il mercato elettrico che cambia

ll processo di elettrificazione dei consumi di energia in atto potrebbe favorire lo status quo energetico, con un mix di fonti dove prevalgono fossili e nucleare, oltre ad altre implicazioni negative per il sistema. Il tema è affrontato da un position paper delle associazioni europee delle rinnovabili termiche.

Deloitte propone lo scenario per un’economia a basse emissioni di CO2 nel nostro paese: gli sforzi maggiori sono attesi nei trasporti e nella produzione energetica. Investimenti stimati in circa 9 miliardi di € l’anno per le rinnovabili, le misure di efficienza e i sistemi di accumulo.

Un'analisi su scala mondiale di NBEF, spiega come il calo previsto al 2040 dei costi del solare, del 66,e dell'eolico, tra il 47 e il 71%, consentirà alle rinnovabili di mettere fuori mercato gli impianti di generazione a fonti fossili. In potenza il FV aumenterà di 14 volte e l’eolico di 4 volte.

Qual è stato in questi anni l'andamento dei prezzi negativi sul mercato elettrico tedesco? Cosa implica per un sistema un mix di tecnologie che lo renda più o meno flessibile? Quali effetti si potranno avere in Italia quando i prezzi negativi verranno adottati anche da noi? Ne parliamo con un'analista del settore.

Elettrificazione e decarbonizzazione le priorità annunciate. La nomina di Francesco Starace è stata formalizzata oggi in occasione dell'assemblea annuale dell'associazione dell'industria elettrica europea in corso a Estoril, in Portogallo.

Fotovoltaico

La società di consulenza e certificazione norvegese DNV GL ha pubblicato la sua classifica annuale di oltre 50 modelli di moduli FV sottoposti a diverse prove di durata in laboratorio. L'obiettivo è capire quanto ogni prodotto sia in grado di sopportare le condizioni ambientali “estreme”.

Politica energetica

Sono molte le buone pratiche segnalate da Legambiente nel suo dossier sui Comuni Rinnovabili in Italia: dai trasporti a zero emissioni alle reti intelligenti, passando per l’economia circolare delle biomasse, l’edilizia superefficiente e altre iniziative. Vediamo qualche esempio.

La SEN in consultazione e il pacchetto di proposte sull'energia della Commissione europea fanno ben sperare per il futuro di fonti rinnovabili e per la generazione distribuita. Forse ancora più incoraggiante è il cambio di strategia di molte grandi utility. Possiamo essere ottimisti? Lo abbiamo chiesto al presidente del Coordinamento FREE, GB Zorzoli.

Nel Memorandum of Understanding sottoscritto tra GSE ed ENI del 6 giugno, il gestore dei servizi energetici si impegnerebbe a fornire ad ENI il know-how acquisito nel settore delle rinnovabili, effettuando l'analisi dei vantaggi ambientali e socio-economici del Progetto Italia. C'è aria di conflitto di interessi?

I webinar di QualEnergia.it

Oltre undici ore di registrazioni online dei webinar tecnici di QualEnergia.it. Gli argomenti trattati: fotovoltaico, conto termico, micro turbine eoliche, Tremonti Ambientale. In aggiunta gli Atti video (4h 30') di un workshop sul FV del dicembre 2015. Gratuiti solo per gli abbonati a QualEnergia.it PRO.

Accumuli

Uno studio statunitense spiega come un’ampia diffusione dello storage elettrico, con un conseguente calo dei suoi costi, potrebbe anche costituire un ostacolo per un sistema elettrico basato sulle energie rinnovabili, rendendo più competitive le fonti fossili grazie ad un risparmio di combustibile.

La differenza di valore economico tra l’energia prelevata e quella ceduta alla rete richiede di aumentare l’autoconsumo. Tra le soluzioni c’è l’accumulo, ma la natura discontinua dei carichi elettrici domestici e il carattere di stagionalità della fonte solare non giustifica sempre il loro utilizzo. C’è poi la possibilità di controllare i carichi elettrici. Un articolo dell’ing. Francesco Groppi.

Modifiche nel documento che fornisce agli operatori di settore e ai soggetti responsabili indicazioni in merito alle disposizioni vigenti per la gestione di sistemi di accumulo integrati con gli impianti di produzione di energia elettrica gestiti dal GSE.

Efficienza energetica

Uno studio europeo appena pubblicato getta una nuova ombra sull’attendibilità dei consumi dichiarati in etichetta: i test non riflettono le condizioni di utilizzo reale dell’apparecchio e non seguono il cambiamento tecnologico. Il Movimento Difesa del Cittadino denuncia il pericolo di un “dieselgate” degli elettrodomestici.

Edilizia a basso consumo energetico

Quest'anno il convegno Rebuild della durata di due giorni, apertosi oggi a Riva del Garda, è centrato sul tema dell'edilizia off-site, cioè quella che si sposta dal cantiere alla fabbrica. Pubblichiamo il documento proposto dagli organizzatori come spunto per la discussione nell'ambito del settore.

Il rapporto dell’Osservatorio Recycle, promosso da Legambiente, approfondisce i cambiamenti in corso nelle infrastrutture e in edilizia. Assenza di riferimenti chiari e di obblighi, vuoti normativi e capitolati obsoleti tra le principali problematiche che frenano il settore.

Eolico

Gli analisti di McKinsey prevedono che, entro il 2020, sarà la norma che gli impianti eolici offshore producano a meno di 4 centesimi di euro per kWh. Già oggi, in alcuni casi, le turbine in mare hanno mostrato di essere competitive senza incentivi. Vediamo come si stanno riducendo i costi e cosa potrà succedere.

Cresce l’interesse degli operatori per l’energy storage applicato agli impianti eolici. L’obiettivo è migliorare la gestione dell’energia, bilanciare domanda-offerta e fornire servizi di rete. Dall’Italia alla Spagna, passando per la Gran Bretagna, vediamo i progetti più recenti in questo campo.

Si chiama Beleolico ed è il primo progetto di eolico off-shore nel Mediterraneo, a Taranto. Avrà una potenza nominale totale di 30 MW ed entrerà in funzione nell'autunno del 2018. Il progetto prevede dieci turbine da 3 MW ciascuna, per una produzione annuale prevista di 80 GWh.

Biomasse

In una lettera al Parlamento Europeo, all'attenzione dell'ITRE - Industry, Research and Energy committee - che sta discutendo sulle direttive per migliorare le performance energetiche degli edifici, 7 associazioni propongono un sistema di etichettatura di stufe e caldaie già installate.

I mercati delle rinnovabili

Un nuovo studio sulle rinnovabili in Italia e in Europa, realizzato dall'Osservatorio Internazionale sull’Industria e la Finanza delle Rinnovabili di Agici, ha analizzato 210 operazioni sul mercato secondario del fotovoltaico e dell'eolico in Italia e in Europa. Una sintesi dei risultati.

Negli Stati Uniti si stanno diffondendo gli accordi di lungo periodo tra imprese e produttori di elettricità verde, sulla scia delle esperienze maturate dai colossi dell’informatica come Apple e Google. In Italia si parla di corporate PPA nella nuova SEN. Attenzione però ai possibili rischi finanziari.

Cambiamenti climatici

Climate Signals evidenzia che il surriscaldamento sta amplificando frequenza e intensità degli eventi estremi, tra cui le “heat waves”, che a loro volta moltiplicano i rischi di incendi come quello che ha devastato il Portogallo. Molte preoccupazioni anche per l'Italia e il Mediterraneo.

Durante il suo intervento il ministro ha ribadito l'importanza dell'accordo di Parigi, ritenendo fondamentale un dialogo costruttivo che riporti gli USA in barca. Si è poi soffermato sull'importanza della riduzione delle emissioni dei settori non ETS e della contabilizzazione delle emissioni del settore agricolo-forestale.

Ricerca e Industria

Grazie alla dimostrazione, alla progettazione e allo sviluppo di un innovativo reattore a membrana progettato per convertire il biogas in idrogeno, saremo presto in grado di produrre energia pulita in modo totalmente green, efficiente e più economico. Il progetto.

Mobilità sostenibile

Le auto sono progettate per raggiungere una percorrenza di almeno 250.000 chilometri, un limite che consentirebbe di ammortizzare il loro elevato “costo energetico”. Tuttavia quella media annua, per esempio in Italia, è stata nel 2015 di appena 11.000 km. Con quali danni in termini di emissioni di CO2?

Alla base della strategia del piano, il cambiamento delle modalità abituali di spostamento, soprattutto nei centri urbani, attraverso l’applicazione di soluzioni sostenibili, nel rispetto dell’ambiente, della salute, del clima, della sicurezza, volte a migliorare la qualità di vita dei cittadini.

Il piano ha una dotazione finanziaria di 15 mln di €, di cui 10 per l'acquisto di veicoli e infrastrutture. La rete di infrastrutture sarà concentrata su 5 aree: Città Metropolitana Cagliari, Rete Metropolitana Sassari, Reti urbane Olbia, Nuoro e Oristano. Diversi interventi nelle isole minori sarde.

Normativa e Incentivi

Il bando, rivolto ai concessionari del pubblico servizio di distribuzione dell’energia elettrica delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, finanzia gli interventi di costruzione, adeguamento, efficientamento e potenziamento delle infrastrutture elettriche per la distribuzione. Domande dal 15 settembre al 2 ottobre 2017.

Il sesto argomento della rubrica di approfondimento sul Conto Termico 2.0, che segue al webinar curato da Valeria Verga, riguarda i documenti che in genere il GSE richiede e quali caratteristiche devono avere, documenti che vanno quindi caricati sul Portaltermico.

I progetti doranno incrementare la quantità di energia immessa in rete derivante da impianti di generazione a fonti rinnovabili connessi alla rete di distribuzione e ridurre le criticità presenti sulla rete di trasmissione AT/AAT, causate dall’incremento della generazione da rinnovabili sulle reti di distribuzione.

L'Aeegsi ha approvato le nuove regole di determinazione del contributo tariffario riconosciuto ai distributori di energia elettrica e gas adempienti agli obblighi nell'ambito del meccanismo dei titoli di efficienza energetica (TEE), per gli anni d'obbligo a partire dal 2017. La delibera e una sintesi delle novità.

Soggetti ammissimibili, metodologie di valutazione dei progetti e istruzioni per presentare l'istanza al GSE. I chiarimenti del GSE sulla presentazione dei progetti di efficienza energetica per l'accesso ai Certificati bianchi.

In consultazione gli orientamenti finali dell'Autorità per la regolazione di alcuni profili di qualità contrattuale su gestione alla chiusura del rapporto di utenza del servizio di teleriscaldamento e teleraffrescamento. Il documento e una sintesi.

Appuntamenti
News dalle Aziende: prodotti e servizi

Per tutelarsi dalla possibilità di incorrere nella sospensione degli incentivi e al loro rimborso a seguito di un controllo del Gestore Servizi Energetici, chi possiede un impianto fotovoltaico incentivato deve essere assolutamente certo che tutto sia regolare. Qualche consiglio da Claudio Conti di MC Energy.

L’organizzazione dei consumatori ha attivato un nuovo servizio di consulenza per la scelta delle tecnologie volte all'efficientamento energetico dei consumi domestici in collaborazione con la rete di installatori Smart Partner di VP Solar.

Per sostenere le sue attività di promozione e sostegno della diffusione del fotovoltaico, della generazione distribuita e di un modello di consumo all'insegna del risparmio energetico, Italia Solare chiede a chi condivide questi obiettivi di devolverle il 5x1000. Video-promo della campagna e modalità per la donazione.