Se non riuscite a visualizzare correttamente questa newsletter fare click qui
Newsletter n. 282 del 13 gennaio 2017

Secondo Bloomberg New Energy Finance, il fotovoltaico sarà in grado di battere la fonte fossile più inquinante intorno al 2025 nella maggior parte dei paesi, grazie alla continua discesa dei costi d’installazione delle centrali FV utility scale: attesi a 74 cent$/watt per quella data.

Politica energetica

Il senatore del M5S Gianni Girotto e Giuseppe Civati di Possibile hanno presentato due interrogazioni, chiedendo al ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, se corrispondano al vero le indiscrezioni di stampa sul coinvolgimento della società Boston Consulting per la stesura della nuova SEN.

Obama in un articolo su Science lancia il suo messaggio sulle politiche per il clima al successore Trump. Agire subito per rallentare il global warming, spiega, è economicamente conveniente e comunque la politica non potrà fermare l'avanzata dell'energia pulita.

Troppe norme bloccano generazione distribuita da rinnovabili ed efficienza energetica, favorendo la produzione centralizzata da fossili: dalla riforma delle tariffe elettriche, al divieto di SDC, passando per le nuove linee guida sui TEE e il capacity market. La denuncia in un'interrogazione del senatore Gianni Girotto.

L'arrivo sul mercato di obbligazioni di Stato “sostenibili” dovrebbe dare un ulteriore impulso agli investimenti necessari alla transizione energetica. Si spera altri seguiranno l'esempio di Parigi e Varsavia. Nigeria e Lussemburgo hanno già annunciato che emetteranno dei green bond.

Con 361 miliardi di $ di investimenti previsti entro il 2020, la Cina accelera ancora sulle energie pulite e prevede un importante rallentamento sul carbone. Ma la transizione potrebbe essere ancora più rapida di quanto previsto dal governo di Pechino e oltre gli impegni presi alla CoP 21.

Fossili vs Rinnovabili

La transizione energetica globale è sempre più veloce e probabilmente irreversibile. L’ostinazione di molte compagnie a investire in carburanti fossili aumenta il rischio di stranded asset, infrastrutture obsolete che non saranno in grado di ripagare il denaro speso. Un articolo di Jeremy Leggett.

Storico sorpasso dell’energia generata dal vento sulle centrali fossili più inquinanti. In primavera-estate il fotovoltaico aveva battuto il carbone nella generazione elettrica complessiva. Merito anche del floor-price per la singola tonnellata di CO2, che sta penalizzando gli impianti obsoleti.

Partendo dal rapporto di Oil Change International, intitolato “The Sky’s Limit", si mette in relazione il rapporto tra obiettivi di riduzione dei gas serra e produzione ed uso dell’energia. Attraverso un graduale e ben governato processo andrà chiusa necessariamente l'epoca dello sfruttamento delle fonti fossili.

Quali costi per la bolletta elettrica

Vediamo per ogni fascia di consumi come cambiano i conti in bolletta con la nuova fase della riforma della tariffa degli utenti domestici che scatta da gennaio. Nonostante lo spot dell'Autorità, risparmia solo chi consuma più di 2.700 kWh l'anno: a riforma completata 24 milioni di utenze, su circa 30 milioni, spenderanno di più.

Adusbef, Codici, Greenpeace, Italia Solare, Kyoto Club, Legambiente e WWF segnalano all'Antitrust lo spot dell'Autorità per l'Energia sulla nuova tariffa elettrica per i clienti domestici: sarebbe fuorviante per i consumatori. In reltà “bollette più care per oltre l'80% degli utenti”.

Fotovoltaico

Lo fa sapere il GSE a QualEnergia.it: non si prevede una fase di consultazione. In attesa della pubblicazione delle regole, facciamo il punto sulle modifiche che si potranno fare agli impianti senza perdere gli incentivi, basandoci sui chiarimenti forniti negli ultimi mesi dal Gestore.

Secondo diverse previsioni il gigante asiatico dovrebbe raddoppiare per il secondo anno di fila il proprio mercato, aggiungendo 9-10 GW. L'obiettivo nazionale è passare dai 6,7 GW di FV installato 2016 a 100 GW entro il 2022 nell'ambito di una forte spinta su tutte le rinnovabili.

Gestione e manutenzione ed asset management dei grandi parchi sono una parte sempre più importante della filiera del FV: al 2021 si arriverà a 501 GW di impianti sopra il MW da seguire. Un'analisi di GTM e SoliChamba mostra i trend trasversali a tutti mercati dell'O&M FV che si stanno manifestando.

Accumuli

In produzione nuove celle più capienti per gli accumuli stazionari. Obiettivo tagliare i costi del 30% in un anno ed entro il 2018 produrre 35 GWh di batterie all'anno, quasi quanto il resto della produzione mondiale. Intanto anche i competitor si attrezzano. Verso un calo dei prezzi?

Il gruppo ha acquisito un azienda nordamericana specializzata nei sistemi di accumulo a batteria behind the meter, Demand Energy. Punto di forza della società acquisita è un sistema per l'ottimizzazione in tempo reale della gestione dell'energia, che coordina generazione, stoccaggio e consumo.

Come quantificare il mercato potenziale degli accumuli residenziali in Italia? L'Energy & Strategy Group ha provato nel suo report di novembre a stimare la diffusione delle batterie per sistemi FV ex novo o retrofit fino al 2025. I dati sono secondo molti piuttosto conservativi. Quali i driver di mercato considerati?

Nell'ipotesi di installare una pompa di calore aria-acqua e un impianto FV, al fine di massimizzare l’autoconsumo e quindi risparmiare di più, converrà scegliere un accumulo termico o uno elettrico? RSE elabora una valutazione per un'abitazione di Milano e una di Roma, che qui riportiamo.

I mercati delle rinnovabili

L’anno appena trascorso ha visto una serie di trasformazioni nelle tecnologie pulite: l’entrata in vigore degli accordi di Parigi, la competizione sempre più serrata tra eolico-solare e fonti fossili, le vendite in crescita di auto elettriche, la Gigafactory in funzione. Le tappe più importanti.

Una guida del World Economic Forum evidenzia le principali barriere economiche, tecniche e normative che bloccano lo sviluppo delle fonti pulite. I gestori dei fondi internazionali investono troppo poco nella green economy, anche a causa di un’errata percezione dei vantaggi e svantaggi.

I costi per i prestiti per le società sono crollati del 30%, anche se il costo del capitale legato a progetti di rinnovabili non è diminuito nella stessa misura, soprattutto in alcuni paesi del sud-est europeo. Ma perché comunque il costo del capitale non è sufficiente per investire in progetti eolici e FV?

Quanto biometano si potrebbe produrre in Italia? Su quale tipo di impianto è meglio puntare e con che tipo di biomasse alimentarlo con gli incentivi previsti dal nuovo decreto in consultazione per un investimento conveniente? Un focus ENEA per rispondere a queste domande.

L'annuncio si inserisce nel quadro della strategia energetica al 2050 degli EAU, che puntano a soddisfare il 44% del loro fabbisogno energetico da fonti rinnovabili. Fotovoltaico, solare a concentrazione ed eolico sono già adesso le fonti meno costose.

I costi dell'energia

Oltre che a fattori contingenti e all'elevata imposizione fiscale, nella sua ultima analisi trimestrale l'Enea imputa il differenziale di prezzo dell’energia elettrica tra Italia e altri paesi UE anche a fattori “strutturali” che caratterizzano il mercato italiano, come il mix di combustibili usati e il grado di di concorrenzialità.

Valori in rialzo per tutti gli indicatori delle commodity energetiche, prezzi elettrici primis, che dovrebbero raggiungere i massimi degli utlimi 3 mesi. Vediamo in sintesi le previsioni contenute nell'ultima edizione del Barometro mensile di Aiee, l'Associazione italiana degli economisti dell'energia.

Il mercato elettrico che cambia

Oggi e domani PUN sugli 80 €/MWh, la settimana scorsa un aumento dell'11% lo aveva portato a 57 €/MWh. Intanto le importazioni sono ai minimi degli ultimi tre anni e mezzo. Tra le cause il freddo che fa salire la domanda in tutta Europa e il fermo nucleare francese. Come potrà evolvere la situazione?

Perché la conversione ecologica è così lenta? Come accelerare il passo se la politica non riconosce l'urgenza della crisi climatica e se le comunità locali non sono aperte al cambiamento sostenibile? Il primo passo è la rimozione delle barriere culturali.

Biomasse

La certificazione volontaria "Aria Pulita", promossa da AIEL, taglia il traguardo dei 100 prodotti certificati. Il primo marchio di qualità volontario che aiuta i consumatori italiani a scegliere stufe, inserti e caldaie a legna e pellet in base alle loro prestazioni ambientali.

Eolico

Lo schema di decreto sull'armonizzazione della normativa nazionale sull'inquinamento acustico inserisce gli impianti eolici tra le "sorgenti sonore fisse" e prevede che il Minambiente emani uno specifico regolamento per misurare e contenere il rumore delle turbine.

Edilizia a basso consumo energetico

Il Milleproroghe sposta di un anno l'aumento della percentuale di copertura con rinnovabili dei consumi termici dei nuovi edifici. Per il Governo serve ad evitare un incremento delle richieste di deroga. Critiche le associazioni delle rinnovabili. Ma quali problematiche tecniche comporta l'obbligo e come si possono superare?

In Italia manca un'industrializzazione efficiente per la costruzione e la gestione dell'edificio. Ci sono oltre tredici milioni di edifici "colabrodo" che dovrebbero essere rigenerati in chiave di sostenibilità. Bisognerà rendere l'edificio sempre meno un bene immobile e più un bene-servizio con un suo rendimento.

Firmata convenzione tra Ministero dello Sviluppo economico e Agenzia del Demanio per eseguire 63 interventi sugli edifici della pubblica amministrazione centrale con un investimento di 48,8 milioni di euro.

Mobilità sostenibile

Su 50 milioni di euro stanziati dal 2013 al 2015 per realizzare l'infrastruttura di ricarica, usati solo 6mila euro. Anche per questo abbiamo solo 1.700 punti di ricarica. Intanto i dati sulle immatricolazioni mostrano che le autovetture full-electric sono ferme, mentre crescono quelle ibride elettrico-benzina.

Energie fossili

Il MiSE, su sollecito di Terna, richiama in servizio l'impianto a carbone Enel di Genova Sampierdarena, per compensare le mancate importazioni dalla Francia. Il WWF annuncia una segnalazione all'UE: la decisione violerebbe le regole del libero mercato, oltre a far male a ambiente salute.

Il ministero dello Sviluppo Economico ha comunicato che nonostante la domanda di gas superiore alle attese per le temperature rigide di questi giorni, gli stoccaggi sotterranei sono ancora pieni per il 61%. Previsto il continuo monitoraggio della situazione fino alla fine dell’inverno.

"Comportamento censurabile ma non reato": richiesta d’archiviazione dal pm per Gianluca Gemelli, al tempo compagno dell’ex ministra allo Sviluppo economico Federica Guidi. Lo scandalo sul nuovo giacimento petrolifero in Basilicata era esploso in seguito a intercettazioni telefoniche.

Cambiamenti climatici

Climalteranti.it analizza le temperature medie globali. Il 2016 risulta per il terzo anno di fila l’anno più caldo dall’inizio delle misure. Il valore dell’anomalia complessiva è pari a +1,3 °C rispetto al periodo 1880-1909, il più vicino al periodo pre-industriale.

Secondo i dati elaborati dall'Arpa nel 2016 sono 32 le città italiane che hanno superato la soglia di polveri sottili consentita per legge. Legambiente fa un elenco di proposte sugli interventi necessari a migliorare la qualità dell’aria. Ma serve un piano strutturale e di lungo periodo.

Normativa e Incentivi

Nella versione definitiva salta la proroga sugli incentivi ai grandi progetti di efficienza energetica. Confermato lo slittamento al 2018 della riforma delle tariffe elettriche dei clienti non domestici. Testo ufficiale e sintesi aggiornata delle norme su energia, rinnovabili ed efficienza energetica.

Finanziamenti fino al 2020 per progetti di costruzione, adeguamento, efficientamento, potenziamento sulle reti di distribuzione e di trasmissione. Pubblicato in Gazzetta il decreto ministeriale dello Sviluppo Economico per progetti che vanno da 1 a 50 milioni di euro.

Almeno fino al 30 aprile 2017 viene prorogata l'attuale regolazione degli sbilanciamenti. L'applicazione di una seconda fase, da maggio, dipenderà dalla pubblicazione da parte di Terna di una modalità di stima del segno zonale. Il testo della nuova delibera e una sintesi dei contenuti.

News dalle Aziende: prodotti e servizi

Sinapsi propone prodotti IoT oriented. Come ad esempio il SIN.EQRTUEVO1T, in grado di contabilizzare l'energia e le risorse di un edificio, consentendone la ripartizione dei costi d’esercizio in conformità alla norma UNI 10200.

Molto spesso gli impianti a fonti rinnovabili incappano in problematiche con il GSE, intoppi burocratici o semplicemente non producono quanto dovrebbero. Ecoenergia Futura offre agli operatori un supporto in tutte queste situazioni, anche con offerte a costo zero per l'operatore.

La presentazione avverrà durante un appuntamento gratuito che si terrà in provincia di Padova e sarà aperto a tutti i professionisti di settore: partner SMA, installatori, progettisti, energy manager, figure commerciali, proprietari e gestori di impianti.