Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Se il fotovoltaico non aspetta più gli incentivi

Mentre il decreto Fer 1 resta bloccato, in Italia, come in altri mercati europei, sta arrivando una nuova ondata di investimenti in FV di grande taglia in market parity. C'è ottimismo e ci si sta attrezzando per il rischio implicito in questi progetti. Se n'è parlato a “Solar Market Parity UE” di Solarplaza.

“Abbiamo un nuovo governo. A qualcuno può piacere, a qualcuno no. Ma la buona notizia è che non ci serve più un governo”.

Questa battuta, pronunciata dal ceo di Solar Ventures Michele Appendino al convegno “Solar Market Parity UE” di Solarplaza tenutosi ieri a Milano, riflette bene il sentimento di molti operatori del fotovoltaico in questo momento.

L’attesa del decreto che reintrodurrebbe gli incentivi al FV – al momento a quanto pare incagliato all’Arera – passa quasi in secondo piano rispetto alla consapevolezza che il solare, in Italia come in diversi altri mercati europei, è ormai entrato nell’era della market parity.

Almeno per gli impianti utility scale, gli aiuti pubblici sono visti come un retaggio del passato, mentre, raggiunta la competitività economica rispetto alle altre fonti, il fotovoltaico si sta attrezzando per stare sul mercato ad armi pari con le altre tecnologie, trovando modi per gestire i rischi del caso, primo fra tutti quello della volatilità dei prezzi elettrici.

I pionieri e la seconda ondata

Per ora i progetti non incentivati operativi in Europa si contano sulle dita della mano. In funzione oggi nel nostro paese ci sono solo i 64 MW di Montalto di Castro, di cui abbiamo parlato molto, realizzati da Octopus Investments e rifinanziati da MPS.

In Portogallo ci sono i 7,2 MW a Vale Matancas di ...

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
NON sei abbonato?
Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati.
QualEnergia PRO