Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Trasporti più sicuri, puliti e innovativi: la Commissione presenta il terzo pacchetto Ue per la mobilità

La Commissione europea propone una serie di misure e strategie volte a ridurre le emissioni inquinanti dei veicoli, rendere le strade più sicure, rilanciare l’industria europea delle batterie. Dati e obiettivi in sintesi e il link ai documenti.

Aumentare la sicurezza stradale, ridurre le emissioni inquinanti, promuovere la diffusione dei trasporti ecologici e delle tecnologie innovative per la guida autonoma: questi, in sintesi, gli obiettivi prioritari del terzo e ultimo “pacchetto” per la mobilità definito dalla Commissione europea, Europe on the Move (vedi il link in basso).

Il budget previsto è pari a 450 milioni di euro grazie al programma CEF, Connecting Europe Facility.

Come ha evidenziato il commissario per il clima, Miguel Arias Cañete, in una nota, “tutti i settori devono contribuire a raggiungere i nostri impegni climatici previsti dagli accordi di Parigi, quindi per la prima volta proponiamo degli standard a livello Ue per incrementare l’efficienza dei nuovi veicoli pesanti”.

I camion entrano così a pieno titolo nella politica taglia-CO2 dell’Unione europea: nel 2025, infatti, le emissioni medie dei nuovi Tir dovranno essere inferiori del 15% in confronto ai livelli registrati nel 2019, con la proposta di arrivare almeno a un -30% nel 2030, sempre nel paragone con il 2019, grazie anche alle future iniziative per migliorare l’aerodinamica dei camion e le prestazioni degli pneumatici.

Un altro punto fondamentale del pacchetto è il piano strategico che dovrà sostenere la nascita di un’industria europea delle batterie su vasta scala, indispensabile nell’ambito della generale elettrificazione dei trasporti, dalle auto ai mezzi pesanti, vedi anche: L’Europa finanzierà la sua prima gigafactory di batterie

Altre misure riguardano il futuro ruolo dell’Europa nella mobilità autonoma e connessa. Su questo punto vedi l’approfondimento di QualEnergia.it: Auto a guida autonoma, quale futuro dopo l’incidente di Uber?

La Commissione, infine, propone che tutti i nuovi veicoli siano equipaggiati con tecnologie avanzate di sicurezza per diminuire gli incidenti stradali, tra cui, ad esempio, sistemi per le frenate automatiche d’emergenza, sensori che consentono il rilevamento a distanza di ciclisti e pedoni, sistemi che assistono la guida in vari modi (mantenimento della carreggiata, anticollisione e così via).