Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Francia, al posto della centrale più vecchia si farà un parco fotovoltaico

Il Ministère de la Transition écologique et solidaire ha annunciato il progetto per il futuro della più anziana tra le centrali nucleari francesi, Fessenheim, che dovrà essere spenta entro il 2019: sul sito troverà posto un parco fotovoltaico da 300 MW, di cui 100 su edifici.

“Chiudere Fessenheim senza farne un esempio dimostrativo della transizione energetica non avrebbe senso”.

Con queste parole Sébastien Lecornu, sottosegretario al Ministère de la Transition écologique et solidaire guidato da Nicolas Hulot, ha annunciato il progetto della più anziana tra le centrali nucleari francesi, che dovrà essere spenta entro il 2019: sul sito troverà posto un parco fotovoltaico da 300 MW.

Come ha spiegato l’uomo del ministero della Transizione (le cui parole leggiamo riportate da Agence France Presse), sarà lanciata un’asta che metterà a gara 200 MW per gli impianti a terra e 100 MW per quelli su tetto.

La gara si svolgerà in diverse sessioni tra novembre 2018 e novembre 2019, sarà “aperta al finanziamento partecipativo”, avrà come garante la Cassa depositi transalpina (Cdc) e ha già riscosso l’interesse della stessa Edf, che possiede e gestisce la centrale nucleare da pensionare.