Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Rinnovabili e target Ue, la battaglia sul “primary energy factor”

Eurelectric, WindEurope, SolarPower Europe e altri chiedono una revisione al ribasso del moltiplicatore usato nelle statistiche energetiche. Un numero importante per capire quali tecnologie si useranno per gli obiettivi sulle rinnovabili. “Il valore attuale ostacola la decarbonizzazione”.

Dal suo valore dipende quanta energia e di che tipo ci impegneremo a produrre per raggiungere gli obiettivi che ci siamo dati a livello europeo e nazionale.

Il PEF indica infatti la quantità di energia primaria utilizzata per generare un’unità di elettricità o di energia termica utilizzabile. Rende possibile fare confronti quantitativi sull'energia primaria consumata per gli usi finali anche se questa energia è ottenuta da fonti diverse e tramite vettori diversi.

Per fare un esempio concreto, il PEF ci permette di misurare l'energia primaria usata per scaldare una casa sia che che il calore sia prodotto bruciando direttamente il gas o la legna, sia che venga da un apparecchio elettrico, alimentato con elettricità prodotta da fonti diverse.

Per fare un ...

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
NON sei abbonato?
Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati.
QualEnergia PRO