Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Eolico, la gestione del rischio sarà la nuova protagonista?

Con strumenti di supporto sempre più market based, il risk-management è sempre più importante per i progetti in impianti dalla produzione aleatoria come l'eolico. Il mercato della gestione del rischio sui nuovi impianti varrà 2,5 miliardi di euro dal 2017 al 2020. La stima è in un nuovo report WindEurope.

Con la spinta progressiva alle rinnovabili verso il mercato che è in atto da tempo e accelererà nei prossimi anni, nel mondo dell'energia pulita diventerà sempre più centrale il risk-management.

Come sappiamo, l'indirizzo che la UE ha fornito da tempo è quello di puntare sempre di più su sistemi di supporto market based, come le aste, mentre per il fotovoltaico italiano si sta già ragionando addirittura in termini di market parity, cioè investimenti senza nessun incentivo competitivi sul mercato elettrico all'ingrosso.

Per il FV, che senza tariffe incentivanti o l'incentivo implicito dell'autoconsumo deve ricorre a contratti PPA, gestire il rischio di mercato è fondamentale, la questione diventa ancora più spinosa per l'eolico, che ...

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
NON sei abbonato?
Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati.
QualEnergia PRO