Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Dismissione nucleare, quali impatti in Italia se la Francia chiuderà i reattori

L’ultima analisi ENEA del sistema energetico torna a occuparsi delle possibili conseguenze per il nostro paese di un eventuale fermo definitivo di molti impianti atomici francesi. Prezzi elettrici in aumento, maggiore output dei cicli combinati a gas, crollo dell'import. Le valutazioni in sintesi.

Il momentaneo stop di alcuni reattori francesi, dovuto a controlli e manutenzioni per risolvere nuovi problemi tecnici – l’ultimo inconveniente riguarda i circuiti di pompaggio dell’acqua in diverse centrali che potrebbero allagarsi in caso di terremoti – continua a condizionare il dibattito sull’evoluzione del sistema elettrico italiano.

È stato il fermo dell’impianto da 3,6 GW di Tricastin, disposto un paio di settimane fa dall’ASN (Autorité de Sûreté Nucléaire), a riportare alla memoria quanto avvenuto lo scorso anno, quando ben 12 reattori transalpini per complessivi 10 GW di potenza, rimasero a lungo inattivi per delle verifiche di sicurezza.

Tra le conseguenze in Italia di quella situazione ...

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
NON sei abbonato?
Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati.
QualEnergia PRO