Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Fotovoltaico, più durata alla perovskite con la cella “a occhio di mosca”

I ricercatori di Stanford si sono ispirati all’occhio della mosca per creare una cella solare composita di perovskite, superando i problemi di fragilità e durata che affliggono questo materiale promettente per la sua efficienza, ma poco incline a sopportare condizioni ambientali estreme.

La ricerca di nuove soluzioni e tecnologie per il fotovoltaico del futuro, ancora una volta, trae ispirazione dalla natura, precisamente dall’occhio “composito” della mosca.

Un gruppo di studiosi della Stanford University ha individuato una configurazione che potrebbe donare maggiore resistenza e durata alla perovskite, un materiale al centro di moltissime prove di laboratorio per costruire celle solari efficienti e a basso costo, in grado di sostituire il silicio.

Sfortunatamente, evidenziano gli autori dello studio in una nota, la perovskite è assai fragile e si deteriora rapidamente quando sottoposta al calore intenso, allo sporco e più in generale alle intemperie, quindi per ora è difficile ipotizzare il suo impiego sul campo, con esposizioni prolungate ai raggi solari (articolo di QualEnergia.it sulle ultime sperimentazioni e sui progressi fin qui ottenuti).

Perché allora non cercare nella cosiddetta bio-mimicry, nell’imitazione del mondo naturale, una qualche risposta a queste debolezze?

L’intuizione per gli esperti di Stanford è arrivata osservando lo strano occhio delle  ...

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
NON sei abbonato?
Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati.
QualEnergia PRO