Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Conto Termico, aggiornato il Contatore al 1° agosto: 131 mln di € di incentivi richiesti

Dal 31 maggio 2016 sono arrivate al GSE circa 29.180 domande, per un totale di 131 milioni di euro di incentivi richiesti, di cui 65 milioni sono richieste di soggetti privati e 66 milioni relativi a richieste della Pubblica Amministrazione.

Il GSE ha aggiornato il Contatore che consente di visualizzare i principali dati relativi all’andamento del Conto Termico, il meccanismo incentivante regolato dal DM 16 febbraio 2016.

Dal 31 maggio 2016 sono arrivate al GSE circa 29.180 domande, per un totale di 131 milioni di euro di incentivi richiesti, di cui 65 milioni sono richieste di soggetti privati e 66 milioni relativi a richieste della Pubblica Amministrazione (di cui 49,7 milioni mediante prenotazione).

Dall’avvio del meccanismo al 1° giugno 2017, risultano ammesse all’incentivo circa 44.500 richieste, per un totale di circa 169 milioni di incentivi impegnati, di cui 147 in accesso diretto.

Complessivamente, 117 mln sono relativi ad interventi effettuati da privati e 52 milioni a quelli realizzati dalle PA (di cui 22 mln mediante prenotazione).

Limitatamente agli incentivi riconosciuti in accesso diretto, l’impegno di spesa annua cumulata per il 2017 è di 69,3 milioni, di cui 54,8 per i privati e 14,5 milioni per le PA mentre, per il 2018, è di 10,5 mln, di cui 9,2 mln per i privati e 1,3 mln per le PA.

L’impegno di spesa annua riferibile agli incentivi richiesti mediante prenotazione è determinato all’avvio lavori, per la quota di acconto, e alla loro conclusione per il saldo.

Il nuovo Conto Termico, in vigore dal 31 maggio 2016, potenzia e semplifica il meccanismo di sostegno già introdotto dal decreto 28/12/2012, che incentiva interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. I beneficiari sono Pubbliche Amministrazioni, imprese e privati che potranno accedere a fondi per 900 milioni di euro annui, di cui 200 destinati alla PA.

Per approfondimenti: